MSI ha presentato il suo nuovo monitor curvo G32CQ4 da 32 pollici con una frequenza di aggiornamento davvero elevata. In generale, si desidera che un monitor da 32 pollici sia in grado di offrire una risoluzione 4K, ma le schede video in commercio non consentono di eseguire i videogiochi più impegnativi a tale risoluzione mantenendo allo stesso tempo un frame rate elevato, motivo per cui questo G32CQ4 è perfettamente adatto alla situazione attuale, grazie alla risoluzione nativa del pannello di 2560 x 1440 pixel., gestibile dalle soluzioni di fascia alta senza problemi.

Il pannello è basato sulla tecnologia LCD VA ed offre un ottimo rapporto di contrasto, pari a 3000:1, con una luminosità di picco limitata però a 250nit. Il raggio di curvatura del display è 1500R ed il dispositivo supporta AMD FreeSync per ridurre i fenomeni di stuttering e tearing, disturbi nella riproduzione che dipendono dalla mancata sincronizzazione tra i frame prodotti dalla scheda grafica e quelli riprodotti dal monitor. Dato che si tratta di un display VA, la copertura dello spazio colore è abbastanza buona, attestandosi al 114,8% di quello sRGB e 91,43% di quello DCI-P3., perfetta dunque anche per chi usa il monitor per lavorare con le immagini. Inoltre, lo stand del monitor consente di regolare sia inclinazione che rotazione.

Considerando tutte le sue qualità, MSI Optix G32CQ4 offre tutto il necessario per offrire un’esperienza di gioco coinvolgente e veloce. Purtroppo, non dispone di tecnologie avanzate come l’HDR o una luminosità particolarmente elevata, ma questo significa che potrete portarvelo a casa per un prezzo davvero abbordabile: il monitor infatti arriverà in Italia durante il mese di settembre, a un prezzo di 449 euro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Realme X50, immagini e caratteristiche del nuovo smartphone di fascia media con modulo 5G

next
Articolo Successivo

Audio Technica ATH-M50XGM, cuffie monitor professionali su Amazon con sconto del 41%

next