In attesa degli incentivi statali per il settore dell’auto che scatteranno a partire dal 1 agosto 2020 e previsti nel Decreto Rilancio appena varato dal governo, Hyundai ha lanciato la sua (“Maxi”) campagna di rottamazione valida fino al 31 luglio.

Questa infatti prevede interessanti agevolazioni per l’acquisto di modelli della casa coreana: dalla Ioniq, la gamma green, alla i-Range che comprende i modelli i10, i20 e i30, passando per quella dei suv, con Tucson, Kona e Santa Fe, sia benzina e diesel, sia nelle versioni elettrificate. Per l’acquisto di un modello Hyundai con rottamazione di un veicolo di almeno 10 anni di anzianità, l’incentivo è di 1.500 euro, cumulabile con una delle due tipologie di voucher previste.

Il voucher “Loyalty”, destinato a chi ha già un modello del costruttore di Seul, premia la fedeltà al brand e consiste in 500 euro di bonus per i modelli i10, i20 e ix20, mentre sono 1.000 euro di bonus per i30, gamma Kona, Tucson, Santa Fe e Ioniq Hybrid. Un secondo voucher, “New Buyer”, è invece rivolto a chi sceglie la sua prima Hyundai, e offre un bonus di 500 euro su tutti i modelli. Entrambi sono validi fino al 31 luglio 2020 e sono cumulabili anche con l’offerta sulla rottamazione. Si aggiungono poi altri vantaggi a chi opterà per l’acquisto con finanziamento Hyundai i-Plus Gold.

Dal 1 agosto e fino al 31 dicembre 2020, invece, saranno in vigore gli incentivi proposti dal governo e inseriti nel Dl Rilancio, in attesa di approvazione. La notizia interessante è che saranno applicabili non solo alle auto elettriche e ibride ma anche agli Euro 6, con emissioni di CO2 non superiori a 110 g/km e a un prezzo di listino che non superi i 40 mila euro, iva esclusa. Il bonus per chi intende rottamare la propria auto sarà in totale di 3.500 euro, di cui 1.500 euro da parte dello Stato e 2.000 euro da parte del concessionario; senza rottamazione, il bonus scende a 1.750 euro.

Quanto alle agevolazioni per auto ibride e a zero emissioni, cumulabili con quelle già previste dall’attuale Ecobonus, lo Stato concede 4.000 euro per i modelli con emissioni inquinanti al di sotto di 20 g/km: questo bonus, previsto con la rottamazione, si somma perciò al precedente da 6.000 euro, per un risparmio complessivo di 10 mila euro. Che diventa di 6.000 euro se non si cede la vecchia auto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Sicurezza stradale, nel 2019 calati incidenti e decessi. Più a rischio ciclisti e motociclisti

next