Si è dichiarato colpevole di 13 omicidi e dozzine di stupri Joseph James DeAngelo, noto anche come il “killer del Golden State“. In cambio della confessione non finirà nel braccio della morte, ma verrà condannato all’ergastolo. L’ex agente di polizia e veterano del Vietnam, oggi 74enne, dopo aver terrorizzato la California per più di 20 anni era stato arrestato nel 2018. Fino ad ora non aveva mai confessato, ma DeAngelo ha deciso di farlo per non essere condannato a morte, pena sostituita da 11 ergastoli, senza possibilità di remissione.

Vengono attribuiti all’ex veterano un centinaio di omicidi e 50 stupri commessi tra il 1975 e il 1986. Sceglieva le vittime tra persone dai 14 ai 41 anni e agiva soprattutto nei dintorni di Sacramento: di solito faceva irruzione nelle abitazioni di notte, a volte quando la casa era vuota aspettando il rientro della vittima. A incastrarlo sono state le tracce di Dna sulla scena dei crimine: non a caso, fino a poco prima del suo arresto non era mai stato tra i sospettati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Germania, legami con l’estrema destra: Berlino scioglie un’unità di forze speciali

next
Articolo Successivo

Coronavirus, almeno 16 Stati Usa sospendono la riapertura: “Troppi contagiati”. Fauci: “Rischiamo 100mila nuovi casi al giorno”

next