Dopo aver introdottodiverse novità estetico-funzionali nei giorni scorsi, Google Foto ha in serbo un’altra novità non di poco conto: l’app infatti non effettuerà più la sincronizzazione automatica delle immagini provenienti dalle cartelle di WhatsApp, Instagram, Facebook e altre app di social e instant messaging.

La novità si è imposta a quanto pare come conseguenza indiretta della pandemia da Coronavirus. In questi mesi di lock down infatti gli utenti mondiali hanno condiviso volumi di immagini assai più elevati, rischiando di portare rapidamente al collasso i servizi di cloud storage del colosso di Mountain View, che di conseguenza ha deciso di inibire il backup automatico. Il roll out lato server è in atto e quindi nelle prossime ore sarà attivo su tutti gli smartphone Android. Da quel momento solo le foto scattate direttamente dal nostro smartphone saranno sincronizzate.

È comunque possibile modificare questa opzione in qualsiasi momento, agendo sulle impostazioni e tornando quindi sostanzialmente alla situazione precedente. Se si vuole soltanto visualizzare i contenuti delle cartelle ora nascosti anch’essi per impostazione predefinita) basterà cliccare in basso a destra su “Raccolta”, recarsi su “Foto sul dispositivo” e toccare “Visualizza tutto”. Allo stesso modo, per effettuare il backup di foto e video specifici dalle app di messaggistica, si seguirà la stessa procedura, toccando poi la cartella di cui si vuole eseguire il backup, attivando in alto la voce “Attiva Backup e sincronizzazione”.

A parte questo, se avete avviato l’app Foto nelle ultime ore avrete notato un’interfaccia completamente diversa rispetto alla precedente e anche una nuova icona, che ricorda sempre una girandola, ma con l’elica dalle pale molto più arrotondate. L’interfaccia è stata modificata profondamente, il famoso menu “hamburger” in alto a sinistra è sparito ed ora abbiamo solo tre sezioni in basso, sulla barra: Foto, che raccoglie tutti gli scatti nella classica galleria di miniature, come prima; Ricerca, che racchiude gli strumenti di ricerca, nonché una serie di filtri, ad esempio per persone e luoghi visitati, e integra una cartina geografica interattiva. Infine c’è la voce Raccolta, in cui troverete cose come album creati, cestino, preferiti, archivio e altri strumenti ancora, sempre inerenti all’organizzazione della propria raccolta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Microsoft Surface Pro 7, tablet per la produttività con sconto di 308 euro su Amazon

next
Articolo Successivo

Realme C11, immagini e caratteristiche dello smartphone economico con batteria da 5000 mAh

next