Per la prima volta la Corte Suprema si pronuncia sull’aborto da quando il presidente Donald Trump ha nominato due giudici (Brett Kavanaugh e Neil Gorsuch) dando la maggioranza all’ala conservatrice. E decide di bocciare la legge iper restrittiva sull’aborto della Louisiana, che avrebbe comportato di fatto la chiusura di tutte le cliniche – tranne una a New Orleans – che praticano l’interruzione di gravidanza. La decisione segna un precedente che mette a rischio tutte le altre norme simili varate negli ultimi anni in altri stati Usa. Come in altri recenti casi, il presidente della Corte John Roberts, di nomina conservatrice, si è unito ai colleghi liberal diventando determinante per il verdetto, così come ha fatto per salvare il programma di protezione dei Dreamer varato da Barack Obama sia per estendere il divieto di discriminazioni sul lavoro alla comunità Lgbtq.

La legge della Louisiana era praticamente identica a quella del Texas che la Corte bocciò nel 2016. Il risultato del giudizio è frutto “della nostra decisione di invalidare una legge identica in Texas quattro anni fa”, ha motivato Roberts. I due incaricati del presidente Donald Trump, Gorsuch e Kavanaugh, hanno votato in dissenso, insieme al giudice Samuel Alito. La presenza dei nuovi giudici aveva alimentato le speranze degli anti-abortisti. Il giudice di primo grado aveva respinto la legge che avrebbe lasciato aperta una sola clinica in Louisiana, a New Orleans, rendendo molto difficile per le donne abortire. Ma la Corte d’appello di New Orleans ha respinto le conclusioni del giudice, esprimendosi in senso contrario. Le cliniche hanno quindi presentato ricorso alla Corte Suprema.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Oms: “Il peggio deve ancora venire, la pandemia è lontana dalla fine. Serve unità tra Paesi”

next
Articolo Successivo

Usa, Reddit chiude il forum dei fan di Trump: i messaggi d’odio hanno violato le regole

next