Dell ha presentato recentemente i suoi nuovi G7 17 e G 15, notebook da gaming con design rinnovato rispetto alla gamma precedente, con tasti adibiti alle frecce direzionali più grandi, un trackpad Precision in vetro ed una striscia LED RGB nella parte anteriore della scocca. Così come il suo fratellino minore, G7 15, il portatile è equipaggiato con processori Intel di decima generazione Comet Lake-H e scheda grafica dedicata Nvidia GeForce RTX. Entrambi i notebook offrono infine uno spessore ridotto, soprattutto in rapporto alla potenza di calcolo offerta.

Diamo ora un’occhiata più nel dettaglio, partendo dal modello di punta Dell G7 17. Cuore del portatile è il processore Intel Core i7-10750H o Core i9-10885 HK, affiancato da un massimo di ben 32 GB di memoria RAM, mentre per la parte grafica è possibile scegliere tra le schede dedicate Nvidia GeForce GTX 1660 Ti, RTX 2060, RTX 2070 Max-Q e RTX 2070 Super. La dotazione di porte è molto completa e comprende una HDMI 2.0, tre USB-A 3.2, lettore di memorie SD, jack audio 3.5mm, Ethernet, Thunderbolt 3, Mini DisplayPort e una USB-C 3.2. Il display, come ricorda il nome stesso del portatile, è da 17 pollici a risoluzione Full HD, ma può spingersi sino alla frequenza di refresh di ben 300 Hz, una caratteristica davvero importante per coloro che giocano a titoli molto competitivi online. Moduli Intel Wi-Fi 6, Killer Wi-Fi 6 e Bluetooth 5.0 e una batteria da 97 Wh ne completano al dotazione. Il portatile è già disponibile negli Stati Uniti, a un prezzo a partire da 1430 dollari.

Dell G7 15 ha invece ovviamente dimensioni più contenute, può montare processori Intel, a partire dal Core i5-10300H fino ad arrivare al Core i9-10980K, un massimo di 32 GB di memoria RAM e schede video dedicate Nvidia GeForce GTX 1650 Ti, GTX 1660 Ti, RTX 2060 e RTX 2070 Max-Q. La dotazione di porte è la stessa del modello G7 17, ad esclusione della USB-C 3.2. Il display, invece, è da 15 pollici, con risoluzione 1080p e refresh rate sino a 300 Hz o, per chi ama i neri profondi, con pannello OLED e risoluzione 4K. In quest’ultimo caso, tuttavia, la frequenza di aggiornamento dello schermo sarà limitata a 60 Hz. Questo secondo modello è disponibile già da oggi, sempre a partire dagli Stati Uniti, con prezzi da 1430 dollari in su.

Non ci resta altro che attendere un comunicato ufficiale da parte della compagnia texana per conoscere prezzi e disponibilità relativi al mercato italiano, ma molto probabilmente dovremo aspettare sino al termine del periodo estivo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Facebook ha finalmente avviato i test della modalità scura per l’app mobile

next
Articolo Successivo

Microsoft distribuisce un tool per recuperare i file cancellati in Windows 10

next