Sono 126 oggi i nuovi contagiati da coronavirus, in flessione rispetto a ieri quando erano stati 174. Di questi 78 sono in Lombardia, pari al 61,9%. Il numero totale dei casi sale così a 240.436, con un trend del contagio in leggera flessione allo 0,05%. Le vittime invece sono sei nelle ultime 24 ore, dopo le 22 di ieri, una sola delle quali in Lombardia: un dato mai così basso da fine febbraio. Complessivamente i morti salgono a 34.744. I tamponi sono appena 27.218 nelle ultime 24 ore, secondo i dati diffusi dal ministero della Salute. Domenica erano stati effettuati 37.346 test di ricerca o negativizzazione, mentre sabato i tamponi eseguiti superavano i 60mila.

Diminuiscono ancora i pazienti affetti da Covid in terapia intensiva: sono 96, dei quali 43 in Lombardia, quindi due in meno rispetto a domenica. In nove regioni e nella provincia di Trento non ci sono più ricoverati in rianimazione. I ricoverati con sintomi sono 1.120, 40 in meno rispetto a ieri. Sono invece 15.280 le persone in isolamento domiciliare, 143 in meno rispetto alla giornata di ieri. Continua anche il calo dei malati: sono 16.496 (185 in meno di ieri).

Solo quattro regioni fanno registrare nuove vittime nelle ultime 24 ore: Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna e Toscana. Nelle rimanenti 16 non ci sono stati altri morti. In otto regioni non si registrano invece nuovi positivi: Marche, Puglia, Friuli Venezia Giulia, Umbria, Sardegna, Valle d’Aosta, Calabria e Molise, così come nella Provincia autonoma di Trento.

In Lombardia – Con 7.991 tamponi effettuati, sono 78 i nuovi positivi registrati in Lombardia (di cui 21 a seguito di test sierologici e 28 ‘debolmente positivi’), il totale sale dunque a 93.819. E’ stata registrata una vittima (per un totale di 16.640), il dato più basso dal 22 febbraio. Stabile il numero dei ricoverati in terapia intensiva (43); mentre cala ancora quello negli altri reparti che sono 321 (-2). A Milano si sono verificati 36 positivi (18 in città), 13 a Bergamo, 9 a Brescia e zero a Lodi, Pavia, Sondrio e Como.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cremona, baby boom: 15 piccoli nati in 24 ore. La gioia e la fatica del personale dell’ospedale: “Evento eccezionale”

next
Articolo Successivo

Mondragone, tafferugli prima dell’arrivo di Salvini: polizia e carabinieri allontanano contestatori. Striscioni contro la Lega: “Sciacalli”

next