La distribuzione è uno dei passaggi più delicati e impegnativi per chi pubblica un libro, soprattutto se lo fa in autopubblicazione, perché non ha alle spalle una casa editrice che se ne occupa. Però molti autori hanno scoperto, a loro spese, che non sempre gli editori svolgono al meglio questo compito, così sono sempre più numerosi quelli che scelgono il self-publishing.

Ma anche lì non sono tutte rose, ci sono anche le spine. Per dare una mano concreta agli autori Youcanprint – una delle piattaforme di autopubblicazione più apprezzate in Italia – ha messo a punto un nuova tecnologia appositamente sviluppata, grazie alla quale Youcanprint si occupa interamente di tutto il processo di distribuzione. Dopo 60 minuti dall’autorizzazione alla pubblicazione da parte dell’autore, la versione cartacea è disponibile su Amazon Italia, Amazon Spagna, Amazon Germania, Amazon Olanda e a breve anche su Amazon Francia e Uk.

Questa nuova opportunità permette all’autore di pianificare con anticipo la promozione, rendendola più incisiva. Inoltre, sottolineano i responsabili della piattaforma, i vantaggi in termini di visibilità sui motori di ricerca sono amplificati: ad ogni ricerca del titolo, Google restituirà molti più risultati, perché intercetterà tutte le disponibilità del libro sugli Amazon d’Europa. E anche la traduzione del libro nelle lingue più parlate al mondo adesso diventa un investimento produttivo.

I libri sono distribuiti anche sugli altri canali quali ibs.it, mondadoristore, feltrinelli.it oltre ad essere ordinabili in tutte le librerie fisiche. Ma per poter usufruire di queste particolari agevolazioni l’autore deve scegliere il rapporto esclusivo con Youcanprint. Anche la versione digitale viene distribuita automaticamente su Amazon e sugli altri store di vendita online.

E ora parliamo di diritti d’autore, un argomento a cui tutti gli scrittori sono molto sensibili. L’autore può richiedere il pagamento dei diritti d’autore accedendo al proprio account privato. Sulla dashboard potrà vedere tutte le vendite, con la precisazione dello store in cui è stata effettuata.

Per quanto riguarda i pagamenti, Youcanprint li effettua dopo 30 giorni dalla richiesta. Ovviamente se ha già ricevuto il corrispettivo dallo store online. Amazon fa il versamento alla piattaforma il 15 di ogni mese, mentre gli altri store pagano a 60 o 90 giorni. Per questo sulla dashboard c’è differenza tra i diritti maturati e quelli disponibili e richiedibili.

La piattaforma fornisce anche un altro servizio ai suoi autori. Secondo i responsabili, infatti, è l’unica piattaforma di self-publishing che agisce da sostituto d’imposta per gli autori offrendo totale garanzia dal punto di vista fiscale. L’amministrazione versa direttamente le trattenute fiscali sulle royalty incassate dagli autori e fornisce a tutti la Certificazione Unica dei compensi da allegare alla dichiarazione redditi o da portare al commercialista.

Insomma, anche in caso di autopubblicazione è bene verificare cosa offrono le diverse piattaforme e soprattutto controllare i costi dei servizi e scegliere quella più consona alle proprie esigenze.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giulio Giorello, addio. E se lassù incontrassi un alieno lo invidierei: ti avrebbe tutto per sé

next
Articolo Successivo

Lo Scaffale dei Libri, la nostra rubrica settimanale: diamo i voti a Bacà, Duran, Haig

next