La dj Ema Stokholma ha denunciato un caso di molestie avvenuto durante lo show per la festa di San Giovanni, alla Mole Antonelliana di Torino. “C’era un cellulare appoggiato con la fotocamera rivolta verso di me che mi stava riprendendo da sotto verso su, mi stava riprendendo le parti intime – ha detto in un video caricato su Instagram – Rimango sconvolta prendo il telefono e guardo il video e vedo che ci sono davvero dieci minuti di video sotto la mia gonna e poi guardo altri video e c’era il video di una ragazza che saliva le scale con i jeans”.

Subito le parole di Chiara Appendino a commento di quanto accaduto: “È un fatto gravissimo. Non ci sono parole per descrivere la rabbia e il disgusto davanti a un evento simile”. Ed è stato indagato dalla Polizia Municipale di Torino l’uomo ha filmato di nascosto con il cellulare le parti intime della dj. “Solo pochi giorni fa avevo parlato della necessità impellente, per tutta la società, di rompere il silenzio davanti a ogni genere di violenza che viene consumato nei confronti delle donne – ha scritto ancora la sindaca su Facebook – Oggi ci troviamo davanti all’ennesimo caso di abuso. La dj, che ringrazio per come ha affrontato questo grave fatto, ha denunciato il responsabile che è stato immediatamente assicurato alla Polizia Municipale ed è ora indagato. Non posso che tornare a ribadire l’urgenza di un’azione sociale e culturale affinché venga messa una volta per tutte la parola fine a queste vergognose azioni” conclude la sindaca che esprime “a Ema tutta la solidarietà mia e della città di Torino”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Le donne provano meno attrazione per gli uomini che amano i gatti”: la ricerca della Colorado State University

next
Articolo Successivo

Francesco Sarcina confessa: “Ho l’ormone scatenato. Io sono molto animale da questo punto di vista”

next