Zuppe pronte, cibi in scatola e tutti gli alimenti che permettono un acquisto ultrarapido sono senza dubbio comodi, hanno scadenze lunghe e in cucina si preparano velocemente. Ma attenzione, per quanto siano gustosi e semplici da cucinare, questi prodotti hanno un bell’inconveniente: quello di contenere additivi alimentari come coloranti, conservanti, addensanti, dolcificanti, aromatizzanti. Si tratta di sostanze che sono impiegate per la loro conservazione o per il miglioramento del gusto. Ma gli esperti dell’Efsa (l’Autorità europea per la sicurezza alimentare) ci dicono che gli additivi possono avere effetti collaterali sulla salute e perciò sarebbe meglio imparare a conoscerli e individuare i potenziali rischi che potrebbero determinare, soprattutto se si dovesse superare la Dose massima giornaliera (Dga).

Per esempio, uno studio della Sorbona di Parigi ha affermato che esiste il rischio di incorrere in neoplasie. La ricerca ha esaminato circa 105mila adulti messi sotto la lente per le loro abitudini alimentari, registrando il loro consumo abituale di circa 3.300 differenti tipi di cibo. Lo studio prospettico, pubblicato su British Medical Journal, ha messo sotto accusa i cibi industriali troppo elaborati. I risultati della ricerca, pur se di tipo osservazionale (i ricercatori osservano semplicemente ciò che si verifica, senza poter spiegare il meccanismo alla base del fenomeno), rivelano che un aumento del 10% del consumo di cibi molto lavorati registra un incremento del 12% del rischio di ammalarsi di tumore in generale, e dell’11% di cancro della mammella. “Ma attenzione, non bisogna esagerare e pensare che se mangiamo un cracker automaticamente saremo colpiti dal cancro, ma un messaggio lo studio ce lo invia. Quale? Di pensare al modello dietetico complessivo, più che a un singolo ingrediente, e allo stile di vita”, ha commentato lo studio Marji McCullough, direttore di epidemia nutrizionale all’American Cancer Society.

D’altra parte, se consideriamo che – fatto salvo il periodo di lockdown – in molti stanno tutto il giorno fuori casa e mangiano dove capita, senza sapere l’origine di ciò che mettono nel piatto, il pericolo di assumere tanti additivi non è poi così peregrino.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

J-Ax in difesa di Sylvestre s’inca**a con i colleghi: “Per non perdere follower tutti zitti”

next
Articolo Successivo

Fiorello, paura per lo showman: incendio nella sua casa romana. Le fiamme in camera

next