“Fino a oggi sono 11 milioni le persone pagate, tra bonus e casse integrazione, per 15 miliardi di euro”. Così il presidente dell’Inps, Pasquale Tridico, davanti alle telecamere di Mezz’ora in più mette il dito nella piaga degli ammortizzatori sociali. “Il governo ha deciso di coprire tutti quelli regolari”, sostiene aggiungendo che è stato scoperto che “conviene ai cittadini essere presenti negli archivi dell’Inps, e conosciuti dal fisco”, ha detto precisando che i controlli sono un passaggio imprescindibile: “Per quanto l’Istituto paga velocemente, ogni prestazione ha la firma di dirigente e porterebbe a danno erariale se non dovuto”.

Al 31 maggio, erano 25mila le persone che invece non hanno ricevuto la cassa integrazione. “Sono posizioni che noi stiamo valutando, perché sono anche difficili, sono errate, sono da valutare”, è la giustificazione. Mentre ci sono 134.000 persone che hanno mandato le domande a giugno (“ma il mese è ancora in corso”).

Quanto agli anticipi dei datori di lavoro, “la cassa integrazione è stata pagata in gran parte dall’Inps, 5,3 milioni di prestazioni”, mentre altri “4,7 milioni di prestazioni sono state anticipate, non pagate”, dalle imprese. “Paga sempre l’Inps, non pagano le aziende”, sottolinea Tridico sostenendo che “le aziende possono anticipare” la cassa integrazione, “è la regola sempre molto rispettata in passato, non è una novità”.

“In tutto questo l’Inps ha pagato oltre 4 milioni di bonus tra marzo e aprile, oltre 500mila tra congedi e assegni parentali straordinari, sta pagando il reddito di emergenza, sta raccogliendo domande per oltre 200mila domestici, per lavoratori dello spettacolo, abbiamo un mercato del lavoro molto frammentato e il governo ha deciso di coprire tutti”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bonus maggio, domande al via. Ecco come fare richiesta e quali categorie ne hanno diritto

next
Articolo Successivo

Bonus 600, Catalfo: “Allo studio una norma per i lavoratori stagionali del settore turismo”

next