Amazon ha annunciato ieri la disponibilità per il mercato italiano di Echo Auto, un dispositivo che fa parte della galassia di prodotti del gigante dell’e-commerce basati sull’assistente digitale Alexa. Questa volta però, non si tratta di un dispositivo intelligente pensato per la casa, ma di una soluzione pensata per portare facilmente l’assistente vocale anche all’interno delle automobili. Una possibilità che, unitamente al prezzo di vendita di 59,90 euro, potrebbe decretarne un facile successo commerciale.

Echo Auto è alimentato dalle prese a 12V o dalle porte USB, ormai presenti anche nelle automobili più economiche. Per collegarlo all’impianto stereo, è possibile sfruttare il jack audio da 3.5 mm o più semplicemente il Bluetooth. Al fine di facilitare il riconoscimento vocale all’interno di un ambiente rumoroso com’è l’abitacolo di un veicolo, Amazon ha integrato in Echo Auto ben 8 microfoni. Importante inoltre sottolineare il fatto che la connessione ad Alexa venga veicolata attraverso l’apposita applicazione da installare sullo smartphone, per cui viene sfruttato il piano dati dell’utente.

Sarà dunque possibile utilizzare Echo auto per ascoltare musica da servizi in streaming come Spotify e Amazon Music, attraverso gli speaker della propria auto, controllare i dispositivi smart di casa a distanza, gestire il proprio calendario di appuntamenti e fare mille alte attività, espandendo le capacità di Alexa tramite specifiche skill, da scegliere tra le diverse migliaia già disponibili.

Queste ultime sono capacità sviluppate dagli sviluppatori e pensate per integrare tantissimi alti servizi nell’assistente digitale Amazon, così da personalizzarne l’esperienza d’uso, tramite nuove funzionalità e contenuti. Del resto, il cuore pulsante del sistema rimane comunque l’apposita applicazione da cui viene gestito, a prescindere, l’assistente vocale del gigante dell’e-commerce.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Redmi 9, arriva in Italia lo smartphone di fascia media. Si parte da 149,90 euro

next
Articolo Successivo

HTC torna sul mercato con due smartphone, HTC U20 5G e Desire 20 Pro

next