Amazon ha annunciato la disponibilità in Italia del nuovo smart speaker con display Echo Show 8. Presentato per la prima volta lo scorso settembre, il nuovo smart speaker rappresenta il giusto compromesso tra i due modelli con schermo da 5 e 10 pollici. Come il primo infatti è abbastanza compatto da poter essere sistemato facilmente in qualsiasi ambiente, ma al tempo stesso è sufficientemente grande da offrire una buona fruizione di contenuti multimediali.

Grazie infatti alla risoluzione dello schermo, pari a 1280 x 800 pixel, e all’integrazione di due speaker da 10 W, il nuovo Amazon Echo Show garantisce la possibilità di fruire ovunque ci si trovi dei video di YouTube o Vevo (comodissimo ad esempio per seguire passo passo le videoricette), ma consente anche di gustarsi le serie TV, ad esempio quelle di Amazon Prime Video, o ascoltare le proprie playlist preferite da Amazon Music, Spotify, Apple Music e altro ancora.

L’Amazon Echo Show 8 misura 200,4 x 135,9 x 99,1 mm, con un peso di 1,04 kg e ospita un processore MediaTek MT8163, fotocamera da 1 Mpixel, jack audio da 3,5 mm e moduli WiFi 802.11ac dual band e Bluetooth con supporto A2DP per lo streaming audio da dispositivo mobile a Echo Show 8 o da questi ad uno speaker Bluetooth.

Cuore del dispositivo però resta come sempre l’assistente digitale Alexa, le cui tante funzioni possono essere ulteriormente espanse tramite le skill (sono già 400 infatti quelle ottimizzate per l’uso sugli Echo Show). Infine, se siete preoccupati per la privacy, il nuovo Echo Show offre la doppia possibilità di disattivare sia i microfoni che la telecamera o, in alternativa, di coprire quest’ultima lasciando attivi i microfoni per continuare a interagire con Alexa. Amazon Echo Show è già prenotabile al costo di 129,99 euro, con le spedizioni previste a partire dal prossimo 26 febbraio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sony Xperia L4, nuovo smartphone di fascia media con tripla fotocamera e schermo 21:9

next
Articolo Successivo

Un computer in una chiavetta USB: ecco Asus VivoStick PC

next