Lavoro extra in un periodo di forte stress e rischi per la salute. Per questo l’editore del Washington Post, Fred Ryan, ha deciso di aggiungere alla busta paga dei suoi dipendenti 1.000 dollari come premio per “la diligenza e la devozione” con cui questi hanno continuato a svolgere i loro compiti per il quotidiano americano durante la pandemia di coronavirus. Ad annunciarlo è stato lui stesso in una nota, diffusa dal mensile Washingtonian, in occasione dei cento giorni da quando il giornale ha deciso di mettere i propri dipendenti in smartworking.

In questo lasso di tempo, spiega l’editore, “abbiamo avuto il numero più alto di sempre di lettori”. E questo grazie anche allo sforzo dei giornalisti: “Per tutti noi che affrontiamo le sfide e le difficoltà uniche di questo momento – ha continuato Ryan -, da quelli che lavorano da casa al team dedicato che opera dal nostro palazzo, non è stato facile. In effetti, è stato difficile e stressante“.

Ma “nonostante gli ostacoli, il Washington Post ha raggiunto il maggior numero di lettori di sempre, in un momento in cui le notizie tempestive e i commenti più ponderati erano ancor più importanti. Ringraziandovi per questo eccezionale lavoro – ha poi concluso -, ogni dipendente del Wp riceverà 1.000 dollari di bonus per il coronavirus. Li riceverete la prossima settimana. Grazie per ciò che avete fatto e continuate a svolgere la nostra missione e servire i nostri lettori. Fred”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

La Repubblica tradita

di Giovanni Valentini 12€ Acquista
Articolo Precedente

Caro Michele Serra, ora che sei nella Repubblica degli Agnelli ti ci vedi a rifare il ‘DunaRaduno’?

next