È morta in ospedale un’anziana invalida di 81 anni che era stata trasportata in ospedale in gravi condizioni dopo essere stata picchiata dalla badante a inizio maggio a Roma. L’ha colpita con schiaffi e gomitate, fino a farla cadere dal letto, e poi ha chiamato i soccorsi un’ora dopo, lasciandola priva di sensi a terra. Questa l’accusa nei confronti di una donna di 52 anni originaria dell’est Europa che assisteva la vittima: arrestata dai carabinieri di Roma Casal Palocco, la badante è stata portata nel carcere di Rebibbia e dovrà rispondere di maltrattamenti aggravati contro familiari o conviventi. Sul corpo dell’anziana verrà effettuata l’autopsia.

Secondo gli investigatori, infatti, le lesioni riportate dalla vittima non erano riconducibili a una caduta accidentale, come invece testimoniato dalla 52enne. Le immagini dell’impianto di videosorveglianza installato nell’abitazione dell’anziana nella zona dell’Infernetto hanno poi confermato i sospetti. Dai video, infatti, si vede la 52enne colpire più volte con schiaffi e gomitate la vittima facendola cadere dal letto per poi lasciarla a terra, in stato di incoscienza, per circa un’ora, prima di chiamare i soccorsi.

La badante aveva testimoniato, invece, che la 81enne era caduta da sola nella propria abitazione, ma un familiare della vittima non convinto dalla ricostruzione aveva immediatamente chiamato i carabinieri. Dalle indagini è emerso che la 52enne era già conosciuta alle forze dell’ordine ed era irregolare sul territorio nazionale. Il medico personale dell’anziana, poi, che aveva prestato i primi soccorsi, non aveva confermato che le ferite riportate dalla vittima fossero compatibili con una semplice caduta.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, 3000 marittimi italiani bloccati al largo dell’Atlantico: “Fateci tornare, siamo allo stremo”. Il servizio di Sono le Venti (Nove)

next
Articolo Successivo

Santa Maria Capua Vetere, 44 agenti indagati per i pestaggi ai detenuti. Agenti sui tetti per protestare contro i carabinieri

next