La Marina tunisina ha già recuperato 39 cadaveri, ma si teme che le vittime siano ancora di più dopo il naufragio, mercoledì mattina, di un barcone con 53 migranti a bordo, partito da Sfax nella notte tra il 4 ed il 5 giugno e diretto verso le coste italiane. La strage è avvenuta nelle acque tra El Louza (Jebeniana) e Kraten, al largo delle isole Kerkennah. A fornire i particolari è il sito informativo Tunisie Numerique, precisando che i corpi rinvenuti appartengono a 22 donne, 9 uomini e 3 bambini (due dei quali di età compresa tra i 2 e i 3 anni) di vari paesi dell’Africa sub-sahariana e di un tunisino originario di Sfax che sarebbe stato al timone del peschereccio affondato. Una delle donne era incinta al momento del naufragio. Il portavoce ufficiale del tribunali della città tunisina, Mourad Turki, ha annunciato l’apertura di un’indagine per scoprire chi ci sia dietro all’organizzazione della traversata, mentre le autorità tunisine, con l’aiuto di unità subacquee, sono ancora al lavoro per cercare eventuali superstiti.

“Il numero di morti sarà sicuramente più alto, ma al momento non si può sapere con esattezza quante persone stavano tentando la traversata – ha dichiarato in una nota Romdhane Ben Amor, del Forum tunisino per i diritti economici e sociali (Ftes) – Contestiamo l’attribuzione della provenienza delle persone solo sulla base del loro colore. Esistono anche tunisini con la pelle nera”. In un comunicato, poi, il Forum ha accusato la politica di non accoglienza dell’Unione europea, ”disposta a tutto pur di ostacolare l’arrivo dei migranti”.

“Nel mese di maggio la guardia costiera tunisina ha bloccato 1.243 persone pronte a salpare illegalmente – prosegue Ben Amor – Il 68% delle quali di origine subsahariana e il 32% tunisina. Numeri che non si registravano così alti dal 2011-2012. Se le politiche migratorie europee non cambieranno ci saranno presto nuove stragi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Locatelli: “I numeri confortano, ma virus circola ancora. Dobbiamo continuare sulla linea della prudenza”

next
Articolo Successivo

Usa 2020, Biden: “Trump cercherà di rubare le elezioni. I militari lo porteranno fuori dalla Casa Bianca se non vorrà andarsene”

next