Una foca monaca è stata avvistata all’Isola di Capraia, nell’Arcipelago Toscano. Un evento quasi unico: da 50 anni infatti l’esemplare non si riproduce in Italia. A riprenderla un turista che ha inviato il video a Fabio Guidi, redattore di www.visitcapraia.it. Le immagini rappresentano la conferma di quanto scoperto pochi giorni fa, quando è stato registrato un primo avvistamento. Le immagini sono state girate tra punta della Fica e cala di Ceppo. “Ho visto uscire qualcosa fuori dall’acqua ed ho pensato subito ad un delfino, ma avvicinandosi ci siamo accorti increduli che si trattava di una foca – ha raccontato l’autore del video – È rimasta in zona per un una quindicina di minuti prima che si allontanasse piano piano. È stata un emozione unica, spero che avvistamenti simili siano sempre più frequenti nel nostro arcipelago!”. La foca monaca, secondo la classifica IUCN, è considerata una specie a rischio, minacciata di estinzione, come ha ricordato il presidente del Parco Nazionale Arcipelago Toscano. Alcuni nuclei riproduttivi si trovano ancora nel mediterraneo orientale principalmente in Grecia e Turchia. “L’ultimo avvistamento nell’Arcipelago è stato nel 2009 a Giglio Campese e dopo ben 11 anni abbiamo questa bella sorpresa di una presenza documentata a Capraia – prosegue il presidente – Una cosa eccezionale perché la foca monaca è una specie elusiva difficile da vedere”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’orso contro il bisonte: in un parcheggio nel parco di Yellowstone la lotta per la sopravvivenza

next
Articolo Successivo

Trieste, avvistata la più grande medusa del Mediterraneo: può arrivare fino a un metro di diametro

next