Dopo la presentazione ufficiale, avvenuta lo scorso maggio, lo smartphone di fascia alta Poco F2 Pro 5G, arriva finalmente in Italia. Si tratta di un modello assai interessante perché offre caratteristiche da top di gamma a un costo molto contenuto. Non a caso si tratta dell’erede del Pocophone F1, smartphone Xiaomi del 2019 caratterizzato dallo stesso mix vincente e baciato da un successo così enorme da spingere alla realizzazione di un’azienda spin-off indipendente, come accaduto con Honor e Huawei.

Poco F2 Pro 5G si presenta con un frontale in gran parte occupato da un display AMOLED da 6,67 pollici con risoluzione Full-HD+ e supporto HDR10+. Le cornici sottilissime e l’integrazione della fotocamera frontale in un sistema pop-up, hanno aiutato a offrire una superficie di visualizzazione particolarmente ampia. Sotto la scocca troviamo il processore Qualcomm Snapdragon 865 e 6 o 8 GB di RAM e 128 o 256 GB di spazio dedicato allo storage, a seconda della configurazione.

Il comparto fotografico posteriore si compone di un sensore principale da 64 Megapixel (f/1.89) abbinato a un grandangolare da 13 Megapixel (f/2.4), un sensore per le macro da 5 Megapixel (f/2.2) e un ultimo da 2 Megapixel (f/2.4) per la profondità di campo.

Una batteria da 4700 mAh con supporto alla ricarica rapida a 30 W e un comparto connettività con tanto di supporto 5G e WiFi 6 ne completano la dotazione. Presenti anche il modulo NFC e un jack audio da 3,5 mm. Poco F2 Pro è già disponibile al prezzo di 499 euro per la versione da 6/128 GB e 599 euro per il modello 8/256 GB.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

HP rinnova la sua linea di prodotti da gaming Omen con nuovi PC e periferiche

next
Articolo Successivo

Scuola, sit-in degli insegnanti al Ministero: “Più fondi e stabilizzazioni. Didattica a distanza? Non ha funzionato, si torni in presenza”

next