WhatsApp potrebbe aver imboccato il percorso che porterà l’app ad affrontare uno dei cambiamenti più radicali degli ultimi anni, con l’introduzione di una novità dal potenziale enorme: slegare il profilo utente dalla scheda SIM dell’utente, così da consentire il log-in da più dispositivi, come avviene per qualsiasi social. A rivelarlo in un post sul proprio profilo Twitter è WABetaInfo, sito specializzato nell’analisi del codice delle versioni beta, alla ricerca di anteprime su funzioni non ancora ufficialmente annunciate.

Al momento dunque è impossibile anticiparne il funzionamento: per scoprire come gli sviluppatori dell’app di instant messaging di proprietà di Facebook hanno deciso di implementare la funzione, bisognerà attendere almeno la disponibilità di una versione beta. Ciò che è certo comunque è che tale funzione non soltanto aumenterà notevolmente la versatilità e la comodità d’uso di WhatsApp, ma consentirà anche di raggiungere un più elevato livello di sicurezza, eliminando l’abbinamento tra profilo utente e numero telefonico.

Stando sempre a quanto riportato dal sito comunque la strada che porta la nuova funzione sulla versione stabile di WhatsApp sarebbe ancora lunga, visto che i test di cui si parla sarebbero ancora interni e quindi non aperti nemmeno ai beta tester. La nuova funzione dunque non ha al moment una precisa finestra temporale in cui fare il suo eventuale debutto, tutto dipenderà dall’andamento dei test interni.

La novità potrebbe esordire, almeno in versione beta, già durante quest’estate o arrivare tra un anno, se non addirittura saltare del tutto ed essere accantonata, eventualità che però ci sembra remota, in quanto anche gli sviluppatori di WhatsApp sono sicuramente consapevoli dell’importanza e della necessità di questo cambiamento per la propria app.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Facebook, arriva Gestisci Attività per trovare e fare ordine in tutto ciò che abbiamo mai pubblicato

next
Articolo Successivo

Apple MacBook Pro 16 pollici, su Amazon l’allestimento top con 400 euro di sconto

next