WhatsApp continua a introdurre novità: nell’ultima versione beta per iOS e Android, ad esempio, è stata introdotta una nuova soluzione che consente agli utenti di poter generare un codice QR, così da essere facilmente raggiungibili. A documentarne la presenza, come spesso accade, è il sito specializzato WABetaInfo. Fino ad oggi infatti l’unico modo per contattare un’altra persona su WhatsApp era registrare il suo numero nella propria rubrica o essere in possesso dell’apposito link, la nuova funzione invece permette di generare un codice QR, consentendo così di saltare i passaggi precedentemente necessari per registrare un nuovo utente nella rubrica telefonica.

La nuova funzione è presente nelle impostazioni, con un pulsante posto vicino alla propria immagine del profilo. Una volta cliccato su di esso, sarà generato un codice QR che potrà poi essere liberamente condiviso. Ovviamente – è bene precisarlo – le persone che avranno accesso al codice potranno anche visualizzare il numero telefonico. Cambiando tab, inoltre, sarà possibile recarsi nell’area Inquadra codice. Qui gli utenti potranno scansionare il codice di un’altra persona.

Molto interessante è poi anche la possibilità data da WhatsApp di revocare il codice, ovvero eliminare il precedente e crearne uno nuovo. In questo modo sarà possibile revocare il proprio contatto WhatsApp condiviso con qualcuno che non desideriamo più abbia il nostro numero.

La novità è disponibile, per il momento, solo nella versione beta e non è ovviamente possibile sapere quando la nuova funzione sarà integrata nell’app principale, anche se è possibile che vi approdi già nelle prossime settimane.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il digitale nella pubblica amministrazione dovrebbe essere la regola, non l’eccezione

next
Articolo Successivo

Sabrent Rocket è l’SSD NVMe più capiente del mondo, ma anche il prezzo è da record

next