Molti infettivologi clinici hanno notato un apparente calo della virulenza del Sars-Cov-2: il Prof. Alberto Zangrillo ha detto che dal punto di vista clinico il virus non esiste più, e concetti simili sono stati espressi dal Prof. Matteo Bassetti. Sostenere che il virus causa oggi una malattia meno grave non è la stessa cosa che affermare un calo dei contagi, ma apparentemente anche i contagi calano nonostante l’allentamento delle misure di contenimento. Questo andamento è caratteristico della maggioranza delle epidemie: sono eventi transitori, che raggiungono un picco e poi si esauriscono, spesso molto rapidamente.

La cause che determinano il decorso delle epidemie sono molte e tra loro diverse. Anche limitandosi alle sole malattie causate da virus la periodicità delle virosi trasmesse da insetti, che possono dare epidemie molto estese (ad esempio la febbre gialla o la dengue) dipende dal ciclo stagionale dell’insetto vettore. La periodicità delle malattie respiratorie, nelle quali il virus è trasmesso con le goccioline di saliva emesse con la tosse, dipende invece soprattutto da fattori ambientali quali umidità e temperatura, che condizionano la persistenza della gocciolina nell’aria e dalla resistenza del virus all’essiccamento.

Inoltre anche la produzione di muco del nostro apparato respiratorio varia con la stagione e può alterare la sensibilità al contagio. Le malattie trasmesse sessualmente, come l’Aids, non hanno invece una stagionalità perché il virus non si espone mai all’esterno, e risentono soltanto dei cambiamenti del comportamento umano.

Un fattore molto importante nel determinismo della ciclicità epidemica è la varietà genetica della popolazione, che include individui più sensibili ed individui più resistenti. Poiché all’inizio dell’epidemia si ammalano soprattutto i primi, tutte le epidemie nella loro fase iniziale appaiono più gravi di come poi si rivelano in effetti. Questo fattore è particolarmente rilevante quando il virus è nuovo e la popolazione non ha immunità.

Va inoltre considerato che nelle fasi iniziali e del picco epidemico la circolazione virale può essere intensa e il contagio può avvenire con carichi virali elevati; passato il momento di picco la circolazione virale si riduce e molti contagi avvengono con basse cariche virali. La malattia che inizia con basse cariche virali spesso ha un andamento clinico più lieve.

Un altro fattore da considerare è la selezione naturale, che favorisce le varianti genetiche del virus che risultano meno letali per l’ospite e che quindi prolungano il tempo in cui il malato è contagioso: il decesso dell’ospite uccide anche il virus. Il fattore ultimo che determina la conclusione del ciclo epidemico è l’immunizzazione della popolazione, che impedisce l’ulteriore diffusione del virus. Un virus capace di causare una epidemia si adatta a ambienti diversi e popolazioni diverse, nelle quali la sua circolazione è disuguale; per questo motivo, oltre che per fattori casuali, paesi diversi sono diversamente colpiti.

Cosa stia effettivamente succedendo col Sars-Cov-2 non è chiaro, ma è plausibile che il virus abbia un ciclo stagionale simile a quello di altri virus respiratori e che il picco epidemico finisca con l’arrivo dell’estate. In effetti al momento l’epidemia è rampante nell’America meridionale dove l’autunno sta finendo e l’inverno sta per cominciare.

Purtroppo è improbabile che un virus che ha avuto una diffusione così ampia sparisca completamente, ed è plausibile una seconda ondata di contagi nel prossimo autunno; questo però ci dà il tempo di sviluppare e testare il vaccino e i farmaci antivirali.

Soprattutto è importante contrastare sia il panico che la sottovalutazione del rischio e promuovere un atteggiamento responsabile e consapevole della popolazione. L’epidemia passerà o diventerà stagionale come l’influenza e come tante altre epidemie del passato, ed è meno grave convivere col Covid piuttosto che col panico o con le limitazioni delle libertà e dei diritti costituzionali dei cittadini.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, pipistrello o pangolino? Svelata finalmente l’origine genetica di Sars Cov 2

next
Articolo Successivo

Coronavirus, il calo dei contagi e gli studi clinici fermi per assenza pazienti candidabili. “A rischio lo sviluppo del vaccino di Oxford”

next