Parla calmo, con la voce interrotta dal dolore Philonise Floyd, il fratello di George, il 46enne americano soffocato da un agente a Minneapolis. Intervistato da Al Sharpton di Msnbc, spiega di avere parlato al telefono sia col candidato dei democratici alla Casa Bianca Joe Biden che col presidente Donald Trump. “È stato tutto molto veloce, non mi ha neanche dato la possibilità di parlare“, ha detto Floyd raccontando la chiamata col presidente. “Tentavo di parlargli ma lui continuava a respingermi come se dicesse ‘non voglio sentire di cosa stai parlando’ “, ha raccontato. “Gli ho solo detto che voglio giustizia e che non potevo credere che avessero commesso un linciaggio in pieno giorno”, ha proseguito.

A Biden, invece, Philonise ha chiesto “giustizia per mio fratello. Ne ho bisogno. Non voglio vedere la sua faccia su una maglietta come gli altri (afroamericani morti per mano della polizia, ndr). Nessuno merita quel trattamento, le vite degli afroamericani contano”, ha aggiunto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Facebook CatchUp, una nuova app per videochiamate di gruppo che non richiede account

next