Confermato per le 21.22 di questa sera il lancio della Crew Dragon, nonostante le probabilità di veder volare la capsula della SpaceX con due uomini a bordo siano ferme da ieri al 50% a causa del maltempo. La Nasa e l’azienda di Elon Musk hanno deciso di accettare il rischio e di procedere comunque al lancio. “Stiamo andando avanti con il lancio. Le condizioni meteorologiche restano ferme sul 50% di possibilità di cancellazione”, ha scritto in un tweet l’amministratore capo della Nasa, Jim Bridenstine. Elon Musk ha rilanciato il tweet nel quale la SpaceX dice che la capsula ha superato tutti i test e che tutti adesso tengono d’occhio le condizioni meteo, il cui aggiornamento è previsto alle 17,00 italiane.

Il sogno degli Stati Uniti di poter lanciare di nuovo degli astronauti da Cape Canaveral ha già subito un rinvio nei giorni scorsi e ora potrebbe slittare di nuovo. È una piccola attesa, rispetto ai nove anni durante i quali gli Stati Uniti non hanno più avuto un loro mezzo per portare astronauti in orbita e l’uscita di scena dello Space Shuttle aveva lasciato alla Russia e alla sua Soyuz il monopolio dei voli con uomini a bordo. #LaunchAmerica è l’hashtag della missione, chiamata Demo2, e nella quale gli Stati uniti vedono l’inizio di una nuova era nella corsa allo spazio.

Il primo canale istituzionale per i lanci diretti alla Stazione Spaziale Internazionale è quello della Nasa, con gli streaming attivi sul canale YouTube ufficiale; il canale YouTube di SpaceX condividerà, ovviamente, un player dedicato alla diretta. Anche i relativi canali social ufficiali di Nasa e SpaceX – sia Twitter che Facebook – avranno le dirette. In Tv è possibile seguire il lancio di SpaceX su Focus, canale 35 del digitale terrestre, che trasmetterà uno speciale commentato in italiano in diretta dagli studi di Milano, con una programmazione prevista dalle 22:00. Gli astronauti Doug Hurley e Bob Behnken, entrambi veterani della Nasa, ora dovranno tornare i quarantena. L’appuntamento per loro fra due giorni a bordo della Crew Dragon, pronta sul razzo riutilizzabile Falcon 9 della SpaceX, sulla storica rampa 39/A da cui sono partite le missioni Apollo dirette alla Luna e poi quelle dello Space Shuttle.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, un algoritmo per prevedere la probabilità di sviluppare le forme più gravi

next
Articolo Successivo

Crew Dragon di Space X, conto alla rovescia per lancio della navicella. La diretta della Nasa

next