Nei giorni scorsi moltissimi utenti in tutto il mondo hanno iniziato a ricevere aggiornamenti per un corposo elenco di app sull’Apple App Store, parliamo di una lista che, secondo alcune fonti, coinvolgerebbe fino a oltre 100 app. La cosa ancora più strana è che gli aggiornamenti riportavano lo stesso identico numero di versione dell’app che si proponevano di aggiornare. Nessun mistero in realtà: si tratta infatti della soluzione al fastidioso problema che impedisce a molte app popolari, come ad esempio Facebook e YouTube, di avviarsi, restituendo un messaggio di errore: “Questa applicazione non è più condivisa con te”.

Il malfunzionamento, a quanto pare, non era dovuto a bug delle app stesse, ma a problemi lato server, connessi alla funzione In Famiglia, che consente la condivisione degli acquisti dai negozi Apple. Questo spiegherebbe anche l’assenza di differenze nel numero di versione dell’aggiornamento rispetto all’app corrente: l’update infatti sostanzialmente installerebbe soltanto una versione aggiornata dei certificati, garantendo così nuovamente il corretto funzionamento dell’app.

Non a caso, prima di questa ondata di aggiornamenti, secondo molti utenti il problema si risolveva semplicemente disinstallando le app malfunzionanti e istallandole di nuovo, aggiornando così i certificati e assicurando alle app, regolarmente acquistate nell’App Store e condivise all’interno del nucleo familiare, il coretto funzionamento. Apple dunque non ha fatto altro che automatizzare questo processo, in modo da prevenire problemi e lamentele da parte degli utenti colpiti.

Se anche voi dunque siete tra quanti hanno esperito problemi di avvio delle app condivise, potete controllare la presenza di aggiornamenti nell’App Stoe o semplicemente procedere a disinstallare e reinstallare manualmente le app che non si avviano.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

LG TV NanoCell AI 49SM8500PLA, Smart TV 49 pollici 4K in offerta su Amazon con sconto di 200 euro

next
Articolo Successivo

Realme X3 SuperZoom, immagini e caratteristiche del nuovo smartphone di fascia alta

next