Razer, uno dei leader mondiali nella produzione di periferiche da gaming, ha annunciato negli scorsi giorni Opus, le sue nuove cuffie bluetooth over-ear con cancellazione del rumore e certificazione THX.

Le Razer Opus si presentano con un design pulito e pensato per essere utilizzate ovunque, non molto dissimile da altre cuffie dello stesso segmento, vedendo l’archetto rivestito in similpelle ed imbottito, mentre le restanti superfici ricoperte in plastica. Per il produttore il loro punto di forza è la presenza a bordo di un sistema di cancellazione attiva del rumore (ANC) ibrido, che dovrebbe permettere di ottenere ottimi livelli di pulizia del suono dai rumori esterni.

A garanzia ulteriore della qualità sonora, le Opus hanno superato il processo di certificazione di THX, cosa che a detta del produttore, nonostante la loro pluriennale esperienza nel produrre cuffie, ha richiesto un ancora maggiore attenzione nei dettagli. Le Opus di Razer promettono fino a 25 ore di ascolto, con ANC attivo, con la possibilità di collegarle ai propri dispositivi sia via Bluetooth sia tramite cavo grazie alla presa per jack da 3,5mm integrata.

Sono già disponibili all’acquisto sullo store ufficiale di Razer a 209,99€, prezzo che, qualora le Opus rispettassero le premesse, le metterebbe in una posizione di vantaggio rispetto ai principali concorrenti già presenti sul mercato

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Schede SD Express quattro volte più veloci grazie al nuovo standard SD 8.0

next
Articolo Successivo

Microsoft, il suo rivoluzionario supercomputer cloud based è tra i 5 più potenti al mondo

next