Microsoft ha da poco ufficializzato Surface Go 2, la nuova generazione del tablet entry level della gamma Surface, e Surface Book 3, nuova versione del suo notebook convertibile. Il colosso di Redmond ha rivisto soprattutto la componente hardware, aumentandone la potenza senza stravolgerne aspetto ed essenza. Per entrambi infatti ciò che non cambia è la logica di commercializzazione: in Italia si partirà da 469 euro per il Surface Go 2, una cifra ben lontana rispetto a quella richiesta per i fratelli maggiori Pro, ma che rispecchia comunque le specifiche tecniche offerte e lo stesso accadrà per il Surface Book 3, che partirà da 1849 euro, prezzo sicuramente elevato ma che dà conto delle qualità costruttive, funzionali e prestazionali del dispositivo.

Partiamo dal tablet. Il Surface Go 2 è praticamente identico al modello precedente, con il display che si sgancia magneticamente dalla tastiera fisica. Ancora una volta inoltre non manca l’ormai irrinunciabile stand posteriore, divenuto un marchio di fabbrica della gamma Surface. Aumenta invece la diagonale del pannello Pixel Sense, che passa da 10 a 10,5 pollici, con risoluzione di 1920 x 1080 pixel. Ovviamente, anche questa generazione è compatibile con la Surface Pen e con la Type Cover, con possibilità però di poter utilizzare anche le tastiere pensate per il modello precedente. Decisamente interessante la presenza del Wi-Fi 6 e di una variante con modulo LTE.

Sotto la scocca ci sarà invece il processore Intel Core M3-8100Y (Pentium Gold per il modello base) di ottava generazione che, secondo quanto dichiarato da Microsoft, dovrebbe offrire prestazioni superiori del 64% rispetto al Surface Go di prima generazione. Il quantitativo di RAM sarà pari a 4 o 8 Gigabyte, mentre lo storage sarà affidato a unità eMMC da 64 Gigabyte o SSD da 128 Gigabyte.

La disponibilità sul mercato italiano è fissata per il 12 maggio prossimo. Già da oggi è però possibile preordinarlo attraverso il Microsoft Store, ricevendo in omaggio un Surface Mobile Mouse. Da segnalare, infine, lo sconto del 10% dedicato agli studenti.

Passiamo ora al Surface Book 3 che, come da tradizione, sarà disponibile nelle versioni da 13,5 e 15 pollici. Per il processore Microsoft ha optato per le CPU Intel Ice Lake di decima generazione, la più recente. In particolare si potrà scegliere tra Core i5-1035G7 (con architettura quad-core, riservato al modello da 13,5 pollici) o Core i7-1065G7 (anch’esso con architettura quad-core) a seconda della configurazione scelta. Molto interessante la parte grafica, con le schede dedicate che sono implementate nella tastiera ad aggancio magnetico fornita in dotazione. In particolare, si può scegliere tra le Nvidia GeForce GTX 1650 e 1660 TI Max-Q o l’Nvidia Quadro RTX 3000, rivolta soprattutto all’utenza professionale.

La RAM può arrivare fino a 32 Gigabyte mentre lo spazio dedicato allo storage può toccare i 2 Terabyte, con unità a stato solido. Per quanto riguarda l’autonomia, infine, Microsoft parla di ben 17,5 ore. Per quanto riguarda i prezzi, in Italia si parte da 1849 euro con disponibilità prevista dal 2 giugno. Importante sottolineare che, chi effettuerà la prenotazione attraverso il Microsoft Store, riceverà in omaggio la Surface Pen, mentre per gli studenti è previsto uno sconto del 10%.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dagli USA ecco l’indossabile che sembra un cerotto e monitora i sintomi da COVID-19

next
Articolo Successivo

Il corteggiamento ai tempi del Coronavirus: su Tinder arriva la videochat per guardarsi negli occhi anche a distanza

next