12) Fulminacci. La vita veramente (2019).

Fulminacci è il più giovane cantautore di questi quindici. Classe 1997, con La vita veramente vince la Targa Tenco 2019. Canzoni da segnalare sono I nostri corpi e, soprattutto, Una sera, dove non si canta “la” sera in generale: è “una sera”, descrive il momento esatto in cui Fulminacci diventa grande, l’emancipazione.

Dinamico, fresco e orizzontale, ma ben ancorato alla tradizione della melodia, soprattutto romana, il brano che traina il disco è Borghese in borghese, che non è solo una canzone moderna che si accoda a una tradizione (Silvestri su tutti): è la descrizione dell’oggi tramite i ritmi della modernità, con un linguaggio preciso, con ironia che esorcizza la pesantezza (anche l’“accollo”, come dicono a Roma), eppure parlando crudamente di una periferia non stereotipata e perciò ancora più vera, attuale. Se Zerocalcare scrivesse canzoni le farebbe così.

INDIETRO

Musica per tempi più lenti /3- La canzone d’autore oggi: cinque dischi ricercati e cantabili

AVANTI
Articolo Precedente

Il futuro della musica? Dobbiamo tornare alla normalità il prima possibile

next
Articolo Successivo

Musica, “più brani rilassanti e podcast sulla meditazione”: come il coronavirus ha cambiato i nostri gusti negli ascolti in streaming

next