15) Chiara Dello Iacovo. Epìgrafe (2018)

Epìgrafe di Chiara Dello Iacovo (classe 1995) è un concept-album, l’uscita da una zona di comfort forse malsana, di certo insufficiente, per andare fuori a compitare il mondo, la società di oggi dove Nessuno sposta il piede, con il percorso che arriva alla massima apertura possibile: in alto mare.

La scrittura di Chiara Dello Iacovo è cristallina e ha un uso sapiente della rima, che mostra sin dalla partenza, quando una vertigine di alessandrini viene posta davanti all’ascoltatore: un bel modo di accoglierlo in mezzo a tanta precisione strutturale del verso. I brani migliori sono Nessuno sposta i piedi, Devo ucciderti e, soprattutto, Primordiale.

INDIETRO

Musica per tempi più lenti /3- La canzone d’autore oggi: cinque dischi ricercati e cantabili

Articolo Precedente

Il futuro della musica? Dobbiamo tornare alla normalità il prima possibile

next
Articolo Successivo

Musica, “più brani rilassanti e podcast sulla meditazione”: come il coronavirus ha cambiato i nostri gusti negli ascolti in streaming

next