[Continua da qui]

Eccoci al secondo appuntamento con le canzoni adatte per questi tempi più lenti.

Sono anche questi album a cui mancano solo i giusti investimenti per un’adeguata veicolazione mediatica, non certo una platea che possa apprezzare maggior ricerca e raffinatezza personale.

In questa seconda parte si va dal 2008 al 2011. Anni densissimi, fondamentali per ragioni storiche, economiche e sociali. La prima decade degli anni Zero è un periodo in cui la generazione post adolescenziale (nata più o meno tra metà anni Settanta e metà anni Ottanta) si trova per la prima volta con un futuro potenzialmente peggiore dei propri genitori, almeno per ciò che riguarda le prospettive di gratificazione economica e lavorativa. La crisi finanziaria di fine decade non fa che acuire la situazione. Avete presente il film Tutta la vita davanti del 2008 di Paolo Virzì? Ecco, ci siamo capiti.

Canzoni della crisi? Forse. Di certo, dei prossimi cinque cantautori, tre fanno parte di quella generazione (fra l’altro nati tutti e tre nel 1984); gli altri due sono meno giovani e da anni sono dei veri e propri riferimenti nei circuiti underground.

Canzoni per tempi più lenti, per riscoprire una dimensione più umana. Prendete questi album, se volete, in questo periodo di reclusione forzata, come “un aiuto per distinguere il tempo perso da quello vissuto” (P. Benvegnù, Il pianeta perfetto).

Canzoni per tempi più lenti /2 – Da Vasco Brondi a Rondelli, i dischi della ‘crisi’ possono aiutarci

AVANTI

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Arena di Verona, rinviati i concerti a maggio di Emma, Modà, Marracash e Benji&Fede, spostati anche i Music Awards

next
Articolo Successivo

I manager di Tiziano Ferro, Marracash, Il Volo e altri: “Per i live ormai guardiamo al 2021 aspettando il vaccino. Però il governo ci deve risposte: per gli artisti, i fan, i lavoratori”

next