Secondo Michelle Hunziker sono “fake news”. “Dicono che noi abbiamo offeso pesantemente una giornalista che si chiama Giovanna Botteri, cosa assolutamente non vera perché noi con Striscia abbiamo mandato in onda un servizio a favore di questa giornalista dicendo che tanti media e molti social l’hanno presa in giro per il suo look e invece noi prendiamo atto del fatto che si è fatta un’ottima e una bellissima messa in piega. Questo non è attaccare una persona ma è rimanere nei toni di Striscia come sempre e soprattutto non è body shaming. Vi faccio vedere il comunicato stampa che abbiamo mandato fuori e cerchiamo di andarle a vedere le cose prima di accusare“. In molti devono averlo in effetti visto, il servizio andato in onda il 28 aprile su Canale5. Come già scritto su questo sito il giorno 2 maggio, ecco cosa accade nel filmato del tg satirico di Antonio Ricci: “A ogni collegamento dalla Cina, la corrispondente sfoggiava il medesimo abito nero”. Questo dice la voce narrante di Michelle Hunziker durante il servizio “dedicato” alla giornalista Giovanna Botteri . La corrispondente Rai da Pechino, sostiene il Striscia (che intanto non si tira indietro dal raccontarlo), è “stata presa di mira” per avere sempre lo stesso look. Il servizio continua facendo notare come la Botteri, in uno degli ultimi collegamenti, si sia presentata con i “capelli splendenti”: “Ad un tratto la sua chioma vaporosa in risposta a tante frecciate”. E le immagini mostrano la corrispondente immersa in una vasca da bagno cartoon.

Un insieme di immagini che hanno visto in tanti e che in tanti hanno commentato. A cominciare dalla giornalista Tiziana Ferrario e passando per Alberto Matano, ex Tg1 e conduttore de La Vita in Diretta fino a Costanza Crescimbeni. E altri commenti social sono arrivati da colleghi del Tg1. Già in data primo maggio le associazioni e i sindacati avevano espresso solidarietà alla Botteri e lei stessa aveva risposto tramite una lettera (qui riportata). E oltre alla Ferrario, molti altri colleghi e utenti social hanno espresso non solo solidarietà alla corrispondete Rai da Pechino ma anche sgomento e talvolta rabbia verso il servizio di Striscia. Lo stesso Tg di Ricci, il 2 maggio, attraverso una lettera pubblicata su Dagospia, aveva ribadito che il servizio parla di offese social e loro fanno solo dei complimenti ai capelli della Botteri: quindi, dire che Striscia dileggia o attacca Botteri, sarebbe una fake news. In rete intanto c’è chi se la prende personalmente con la conduttrice, replicando (e peggiorando) proprio quella mancanza di rispetto che contesta al tg satirico.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, tra smart-working e riunioni con gli amici la videochiamata diventa quotidiana: i 15 errori “tipo” (tutti da ridere) secondo i The Jackal

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Demi Moore e Bruce Willis ballano insieme durante l’isolamento: un’esibizione da vedere

next