Ad oggi è già stato somministrato ad oltre 320 volontari e potrebbe essere disponibile già a dicembre. Si accelerano i tempi per il vaccino anti-Covid al quale sta lavorando lo Jenner Institute della Oxford University con la partnership dell’azienda italiana Advent-Irbm di Pomezia. La multinazionale farmaceutica AstraZeneca è infatti entrata nella squadra, stringendo un accordo con lo Jenner: sarà responsabile dello sviluppo, della produzione e distribuzione del vaccino a livello mondiale. “Vogliamo essere pronti con 100 milioni di dosi entro la fine dell’anno e poi ampliare”, ha annunciato al Financial Times il chief executive dell’azienda, Pascal Soriot.

Per la durata della pandemia si prevede di adottare un modello ‘no for profit‘, ovvero senza margini di profitto. La sperimentazione clinica sull’uomo, dopo i risultati positivi già ottenuti in laboratorio e sulle scimmie, è partita in 5 centri in Inghilterra lo scorso 23 aprile su 550 volontari sani e su altri 500 cui verrà somministrata una soluzione placebo. Ad oggi, fa sapere AstraZeneca, il vaccino è stato somministrato ad oltre 320 volontari sani evidenziando di essere “sicuro e ben tollerato“. I risultati di questa prima fase sono attesi “entro maggio“. Poi, già da giugno, la sperimentazione sarà allargata ad un campione più ampio di 5mila soggetti.

“Se la sperimentazione clinica darà esiti positivi, come lasciano sperare i test di laboratorio e su animali – afferma all’Ansa il presidente di Advent-Irbm Pietro Di Lorenzo – entro fine anno avremo la disponibilità di un primo stock. Basterà per iniziare la vaccinazione su fasce più fragili della popolazione. Per produrre miliardi di dosi per la popolazione generale saranno necessari ovviamente tempi più lunghi, ma l’ingresso del colosso AstraZeneca accelererà sicuramente la capacità produttiva”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, ricerca Usa: “L’antivirale Remdesivir riduce tempi di recupero dei malati”. Oms: “Per ora è sperimentale”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, in Cina il 60% dei nuovi casi in aprile erano asintomatici

next