Mentre in Europa continuano la trattative sugli strumenti per affrontare la crisi e dopo che Giuseppe Conte ha rivendicato “grandi progressi” al consiglio Ue di ieri sera, il fronte delle discussioni si riapre in Italia. Lo scontro è tra Fratelli d’Italia da una parte e dall’altra il Movimento 5 stelle. I primi hanno infatti deciso di presentare un ordine del giorno alla Camera per chiedere di “impegnare il governo a non usare il Mes in alcun caso“: la proposta è stata bocciata con 216 voti a favore e 119 favorevoli. Il governo aveva espresso parere contrario e i 5 stelle, che da sempre si professano contro il ricorso al fondo salva-Stati, hanno votato contro. Ma non tutti: 7 deputati M5s (Lombardo, Maniero, Nesci, Raduzzi, Vallascas, Cabras e Vianello) hanno votato con Fdi e si è astenuta la deputata Corneli. Hanno votato No Pd, Leu, Iv e 8 del Misto. Forza Italia non ha partecipato al voto. Pochi minuti dopo sul Blog delle Stelle è uscito un articolo dal titolo “le pagliacciate della Meloni”: “Una provocazione naturalmente respinta”, si legge. “Non accettiamo lezioni dai finti patrioti”. E ancora, “ci opporremo in tutte le sedi all’attivazione del Mes”. Ma “non votiamo un ordine del giorno presentato dai traditori che lo hanno approvato, quando il Movimento 5 Stelle non era neanche in Parlamento”. L’approvazione del Mes avvenne infatti nel 2011 con Meloni ministra e Lega al governo.

Poco prima del voto il capo politico Vito Crimi, intervistato da Rai Radio1, aveva ribadito la posizione M5s: “Il Mes c’è ma non abbiamo bisogno di attivarlo, non è utile allo scopo”. Anche se, alla domande se sarebbero disponibili a valutare il ricorso al fondo in caso fosse senza condizionalità, ha replicato che “non potrebbero non valutarlo”. Ma ha subito precisato: “In realtà ora è uno strumento con condizionalità future imprevedibili”.

Il Blog delle stelle contro Giorgia Meloni: “Una pagliacciata”
L’ordine del giorno, mentre ancora le trattative sul fronte europeo sono in corso, ha creato numerosi malumori dentro i 5 stelle. Poco dopo la bocciatura, è stato pubblicato un articolo sul Blog delle stelle: “Giorgia Meloni e Matteo Salvini continuano a rilanciare falsità e fake news. Un bombardamento disinformativo che, probabilmente, non ha precedenti della storia della Repubblica”, è l’attacco. Quindi, definiscono la leader Fdi “passionaria finta patriota e traditrice dell’Italia” che, continua l’articolo, “ha presentato alla Camera un inutile e strumentale ordine del giorno in cui voleva impegnare il governo a non utilizzare il MES, voluto dal centrodestra quando lei era ministro e votato in Parlamento da alcuni attuali fedelissimi della Meloni”. “Ma come, non era stato già attivato il Mes, da questo governo, come volevano far credere il gatto e la volpe alcuni giorni fa, prima che fossero stati smascherati dallo stesso Presidente Conte?”.

I 5 stelle inoltre ribadiscono la loro contrarietà al ricorso al fondo salva-Stati: “Non è il governo che deciderà se il Mes verrà adottato dall’Italia, ma il Parlamento”. Quindi hanno rinnovato la fiducia per “lo straordinario lavoro che il presidente Conte sta portando avanti in Europa”: “Ieri è stato ottenuto un primo storico risultato, in quanto è stato considerato urgente e necessario il ricorso europeo allo strumento innovativo dei recovery fund e agli aiuti comuni per la ricostruzione. Il presidente Conte ha raggiunto ieri un risultato straordinario, impensabile fino a poco tempo fa, storico perché cambia completamente la prospettiva finanziaria dell’Unione Europea”. “Il MoVimento 5 stelle si opporrà in tutte le sedi all’attivazione del Mes”.

E chiudono rivolgendo alla Meloni una serie di domande: “Dov’era nel 2011 quando il governo di cui faceva parte approvava e firmava i Trattati internazionali che prevedevano la nascita del Mes? Perché non mosse un dito per fermare il suo stesso governo e opporsi sin dall’inizio al MES? Perché non si dimise da ministro il giorno 3 agosto 2011 quando il consiglio dei ministri del governo Berlusconi approvò la legge di ratifica e esecuzione del MES? Perché non si dimise da parlamentare quando Tremonti e Frattini presentarono al Senato la legge di ratifica ed esecuzione del MES nel mese di settembre 2011? Aveva perso la lingua o non voleva perdere la poltrona?”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La7, Galli Della Loggia a Delrio: “Conte anomalia assurda, scelta incauta di Mattarella”. “No, esprime il partito di maggioranza in Parlamento”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, la Camera respinge ordine del giorno di Giorgia Meloni per il no al Mes: urla e proteste dai banchi di FdI dopo il voto

next