Non è proprio la fase due, ma è un barlume di luce verso la fine del tunnel dell’emergenza coronavirus in Campania. Annunciata ieri sera, è da poche ore on line l’ordinanza del governatore Vincenzo De Luca che riaccende i forni delle pizzerie, riapre le cucine dei ristoranti e rimette a pressione le macchine del caffè a Napoli e nel resto della regione. L’ordinanza numero 37 ha stabilito che da lunedì 27 aprile saranno possibili anche in Campania consegne a domicilio di pizze, cibo e prodotti da bar e da pasticceria, consegne che nel resto del Paese erano proseguite ma qui no, impedite da ordinanze più restrittive.

Da lunedì riaprono anche cartolerie e librerie. Tutte queste attività lavoreranno con orari contingentati e a singhiozzo: solo la mattina e fino alle 16 i bar, le pasticcerie, solo la sera le pizzerie e i ristoranti, solo fino alle 14 le librerie e le cartolerie. Il provvedimento di De Luca invita gli esercenti a trascorrere questi giorni compiendo una accurata sanificazione dei locali rimasti chiusi quasi due mesi e incoraggia per le librerie sistemi di vendita attraverso prenotazioni telefoniche o sul web.

Sul divieto di pizza – proprio a Napoli, poi – si era consumato l’ennesimo scontro tra De Luca e il sindaco di Napoli Luigi de Magistris, arrivato ad accusare il governatore di “sadismo ingiustificato”.

Una battaglia condotta da de Magistris e da pizzaioli famosi in tutto il mondo, a cominciare da Gino Sorbillo che a causa del no al delivery aveva paventato la chiusura di ben quattro pizzerie. “Le cose vanno male, io chiuderò quattro locali tra Napoli e Milano, ma la consegna delle pizze a casa si può fare in sicurezza e permetterebbe a tutto il settore di ricominciare a camminare, seppure come un’auto che va a fil di gas”, aveva detto. Un appello lanciato da Massimo Di Porzio, titolare di “Umberto”, nel quartiere napoletano di Chiaia e presidente della Fipe Confcommercio per Napoli e provincia, e a cui avevano aderito oltre 400 ristoratori, da quelli storici ai giovani imprenditori.

De Luca spiega così: “Si tratta di un primo passo e di un primo segno di rilancio delle attività economiche secondo una linea di responsabilità e di prudenza, che richiede da parte di tutti il rispetto rigoroso delle regole di tutela della propria e dell’altrui incolumità”. “Il provvedimento – aggiunge – è articolato in maniera da diluire la mobilità nel corso della giornata ed evitare assembramenti. Sarà fondamentale rispettare tutti i dispositivi di sicurezza, pena sanzioni severe a carico degli inadempienti. Occorrerà utilizzare i prossimi giorni per sviluppare tutte le operazioni di sanificazione e igienizzazione dei locali, in qualche caso chiusi da molte settimane, per sottoporsi a visite mediche e per preparare tutte le certificazioni necessarie dal punto di vista sanitario”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Iss: “54 decessi sotto i 40 anni. Animali da compagnia non diffondono ma suscettibili: bisogna proteggerli se si è infetti”

next
Articolo Successivo

Cosenza, incendiata l’auto di un giornalista: non era la prima volta che subiva atti intimidatori. Le immagini del rogo

next