Idol – storie di sesso hi-tech è un libro di Berbera & Hide (Oscar Mondadori editore) che mi regalarono nel 2003. Sono racconti in cui si parla di fellatio digitali, penetrazioni meccanotroniche, brividi via cavo, sensori e orgasmi.

Diciassette anni fa, quando a malapena facevano capolino i videofonini, sesso in chat e videogiochi sexy, ecco un mondo sessuale visionario che oggi e nell’immediato futuro sarà – forse – attualissimo. Proviamo a ipotizzare come ci si comporterà quando la pandemia sarà risolta.

1. Torneranno le serenate sotto la finestra della persona da conquistare. Chi lo farà con la chitarra e la voce all’Alberto Lupo, chi con la parrucca a caschetto alla Nino d’Angelo, chi con la tromba (e qui il messaggio sarà più esplicito), chi col megafono sulla Prinz verde rubata ai comunisti nel 1975.

2. Le aziende produttrici di candele convertiranno la produzione di quelle da massaggio in quelle all’odore di genitali con esperienza olfattiva all’Amuchina. Una roba che “Gwyneth Poltrow, scansati!”.

3. Tinder e le varie app per incontri cambieranno le modalità per gli inciuci. Chi è single dovrà mettere un cappello con l’immagine di uno dei sette nani: se vuoi incontrare una persona colta, metti Dotto, se vuoi incontrare un toy boy mettiti Cucciolo, se ami i viaggi Eolo – ma attenzione che non si avvicini un petomane.

4. Certificato di sana e robusta costituzione, nonché di negatività al Covid-19 dovranno sempre essere in saccoccia. Si esibiranno all’occorrenza prima che scatti la lingua. Coloro che non ne saranno provvisti piluccheranno solo le scapole.

5. Film porno. Fino a che non ci sarà il vaccino sarà vietato realizzarne, quindi si guarderanno – fino ad impararli a memoria – quelli dal 1970 al 2019. Il 2020 per gli attori e le attrici sarà un buco nero. A tal proposito la categoria più cliccata sarà “Glory hole” che diventerà una sorta di gioco globale per individuare a chi appartiene il puparuolo in alto a sinistra dietro la parete nel video di venti minuti del 1986.

6. Per il cunnilingus obbligatorio il dental dam, quel lenzuolino di lattice che viene utilizzato in ambito odontoiatrico e che doverosamente si consigliava fino all’esplosione della pandemia per prevenire le malattie sessualmente trasmissibili. Visto che ad oggi lo avranno utilizzato in quattro, iniziate a prendere confidenza con il dispositivo considerando che non è una BigBabol.

7. Capitolo fellatio. La saliva verrà confluita in un’apposita sputacchiera usa e getta di cui dovrà essere dotato il bencapitato.

8. Dopo il boom degli acquisti dei sex toys e relativo isolamento, alcune ragazze vorranno fare le sex blogger per recensire come si usa il plug anale formato vaso di fiori. Alcune, restie all’acquisto dei giocattoli sessuali, avranno il dito medio lungo e calloso quanto una lenza da pesca. Praticamente E.T.

9. Scordatevi la cena romantica della prima uscita. Ci sarà una video-pizza a distanza ed eventualmente il bacio via smartphone.

10. Compilare a piacere, nella speranza che si torni presto alle care vecchie sensazioni del sesso vintage.

Potete seguirmi su Instagram e sul sito www.sensualcoach.it

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Max Felicitas confida: “Sono andato a fare la spesa dopo venti giorni e con la cassiera…”

next