Solidarietà, interventi sicuri e tempestivi oltre che impegno volontario per portare a domicilio cibo e medicine a tutti i bisognosi che ne fanno richiesta. Questa è la nuova iniziativa organizzata a titolo gratuito nelle zone di Milano, ma non solo, dai Circoli Operai internazionalisti di Lotta Comunista (LC). Nel capoluogo lombardo sono presenti dal 1969, ora hanno cinque circoli sparsi nei vari municipi e da inizio marzo hanno messo in campo per la spesa a domicilio un numero consistente di circa 500 volontari e hanno già aiutato oltre 1.000 soggetti che vivono in condizione di fragilità.

Si tratta soprattutto di anziani spesso non autosufficienti, persone disabili e genitori single con bambini piccoli. “Quando la casa brucia va spento il fuoco e non serve discutere e perdere tempo. Ecco perché abbiamo deciso di mantenere aperte tutte le nostre sedi e darci da fare” dice a Ilfattoquotidiano.it Delio Ciracì, coordinatore del Circolo Operaio in zona Porta Romana. “L’attività porta a porta di 50 anni di diffusione militante del nostro giornale ci ha permesso di avere una percezione viva e capillare della condizione d’emergenza. La conoscenza reale del territorio si sta rivelando utilissima per raggiungere le condizioni frequenti di isolamento di anziani e bisognosi”.

Da oltre un mese i volontari di Lc ricevono e fanno migliaia di telefonate e hanno riorganizzato i loro circoli, pensando prima alla salute delle persone, dotandosi sempre di guanti, mascherine e gel igienizzante. Presto si sono moltiplicate le forze. “I nostri volontari – spiega Ciracì – sono di nazionalità diverse, studenti e lavoratori, tutti con i dispositivi di protezione e operano mantenendo la distanza di sicurezza di un metro. Le prime domande che facciamo sono: ‘Stai bene?’, ‘Ti servono medicine?’, ‘Conosci qualcuno che ha bisogno della spesa a casa?’. Anche così abbiamo esteso la capillarità dell’intervento”.

L’iniziativa si sta sviluppando non sui canali social, ma attraverso i rapporti umani diretti instaurati dopo decenni di attività, oltre che con il diffuso passaparola dei residenti che non conoscono bene Lc. “Aiutiamo tutti a prescindere dalla passione politica, le persone durante la pandemia di Covid-19 vanno supportate tutte” afferma Ciracì.

Non mancano i lavoratori stranieri che si sono presentati nei Circoli per aiutare in particolare anziani e disabili, “anzi si stanno dimostrando tra i più generosi”, sottolinea Ciracì. “Ci hanno detto: ‘Quando siamo arrivati in Italia siamo stati aiutati da voi, ora tocca a noi dare una mano a chi ha bisogno’”.

A livello organizzativo Ciracì spiega come funziona il loro servizio: “Dopo le chiamate al centralino smistiamo territorialmente le consegne, il volontario del quartiere si reca nel supermercato o nella farmacia di riferimento, ovviamente munito di Dpi, compra alimenti o medicinali anticipando i soldi e poi li porta nell’abitazione indicata, mostrando lo scontrino per essere rimborsato. In questo modo, tra i vari benefici, abbiamo anche limitato gli spostamenti” conclude.

Ecco i recapiti telefonici dei Circoli Operai milanesi per richiedere il servizio gratuito di consegna della spesa a domicilio. Per le Zone 2 e 3 > 02 91572594, Zona 4 > 02 49633977, Zone 1 e 9 > 02 66115453, Zone 7 e 8 > 02 45488614 e infine le Zone 5 e 6 > 02 45474067.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Comune di Milano distribuisce gratis mille kit di guanti e mascherine. “Per tutelare la salute di rider, ristoratori e clienti”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, a Milano dati stabili. Polemica Sala-Gallera su “troppa gente in giro”. Il nodo delle carenze su assistenza domiciliare e isolamento contagiati

next