Hewlett Packard ha annunciato i nuovi ProBook 445 G7 e Probook 455 G7, notebook aziendali equipaggiati con processori AMD Ryzen 4000. Entrambi i portatili sono certificati MIL-STD per quanto riguarda la resistenza a urti, cadute e infiltrazioni di liquidi e vantano uno chassis in alluminio, che però sostanzialmente è lo stesso della precedente versione G6. L’aggiornamento riguarda quindi soprattutto i processori, che però da soli sono in grado di assicurare un boost prestazionale notevole rispetto alla precedente generazione di CPU AMD, senza per questo andare a impattare negativamente su autonomia e temperature.

I due modelli sono identici per dotazione hardware e si distinguono unicamente per la diagonale del display, in entrambi i casi di tipo IPS ma con diagonale di 14 pollici e risoluzione Full HD per il modello 445 G7 e da 15.6 pollici sempre Full HD per il 455 G7.

I due modelli potranno contare sui processori AMD Ryzen 3 4300U, Ryzen 5 4500U o Ryzen 7 4700U. Tutti i modelli inoltre saranno dotati di scheda grafica AMD Radeon integrata, abbinabili a un quantitativo massimo di 16 GB di RAM. Tra le unità di memoria interna si potrà optare per HDD da 1 TB con velocità di rotazione di 5400 RPM e SSD con capienza massima di 512 GB. Lo storage sarà comunque espandibile tramite scheda microSD. Per quanto concerne la connettività infine troviamo 2 porte USB 3.1, 1 porta USB-C 3.1, 1 ingresso USB 2.0 (ricarica), un jack audio, una porta Ethernet e un ingresso HDMI 1.4.

L’HP ProBook 445 G7 ha anche un peso inferiore, pari a circa 1,6 Kg, mentre il più grande ProBook 455 G7 raggiunge i 2 Kg. Entrambi i notebook saranno disponibili nelle colorazioni grigio e nero. Il lancio è previsto per fine aprile, ma al momento Hewlett Packard non ha reso noti i prezzi delle varie configurazioni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Batterie a ricarica più veloce grazie a una ricerca che ha “spiato” i movimenti degli ioni di litio

next
Articolo Successivo

Coronavirus, il Ministero della Salute sbarca su Telegram

next