Anche se fuori le giornate primaverili fanno già immaginare le vacanze estive – specialmente in un momento in cui si è costretti a casa – bisogna iniziare a depennare le mete esotiche e le capitali internazionali dalla lista. “Non sarà pensabile prendere l’aereo per andare in vacanza” avverte il fisico Alessandro Vespignani, esperto di sistemi complessi e direttore del Network Science Institute della Northeastern University di Boston. Arriverà l’estate, ma non sarà quella a cui siamo abituati: un’estate senza viaggi, insomma.

Nella cosiddetta “Fase 2” in cui si inizieranno ad allentare le misure di contenimento, la sfida è convivere con il virus ed evitare a tutti i costi una seconda ondata di contagi. “Ora l’Italia è in un trend positivo, che speriamo di vedere rafforzato nelle prossime settimane, ma non correrei ad allentare le misure di contenimento perché i casi sono ancora molti”. Adesso, prosegue Vespignani, la cosa più urgente è “fornire gli strumenti per uscire dall’emergenza nel modo più sicuro: non vogliamo tornare a una situazione pre-ondata”. Difficile fare programmi a lungo termine: “Valutiamo settimana per settimana per guardare qual è il trend e decidere di conseguenza, sulla base della preparazione acquisita e delle misure che messe in campo”.

Di certo è “impensabile restare in una situazione come questa per mesi e mesi” e la chiusura di questa fase “potrebbe arrivare nelle prossime settimane, ma attualmente è impossibile dire quando”. Ma una grossa variabile nei tempi di riapertura, aggiunge, è capire cosa succederà quando si allenteranno le restrizioni: sarà il comportamento individuale a fare la differenza. Sul lungo periodo, spiega il fisico, dovremo abituarci a rispettare la distanza di sicurezza e l’uso della mascherina: “Queste regole, con il telelavoro, aiuteranno ad affrontare l’uscita”. Di certo “la fase 2 continuerà a lungo. Non possiamo immaginare una guerra vinta perché avremo altre battaglie, né si può pensare di tornare alla normalità piena in luglio o agosto” e “servirà un’enorme cautela nei viaggi internazionali”. In sostanza, ci troviamo davanti a “un processo che vedo per i prossimi 6-8 mesi“.

La cautela è la prima arma per evitare una seconda ondata dell’epidemia: “è una sconfitta considerarla un dato di fatto”, ha detto Vespignani. “Se domani tornassimo alla normalità, l’epidemia riprenderebbe il suo cammino. Finora abbiamo fatto sforzi incredibili per strangolarla e adesso la sfida è controllarla”. Per questo bisognerà fare i test per ridurre i numeri attuali, solo dopo si potrà pensare a riaprire la produzione industriale e a ricominciare ad avere una mobilità interna. “Dobbiamo infine ricordare – ha aggiunto – che l’Italia ha due storie rispetto all’epidemia, con un Nord più colpito ma più preparato e un Sud con meno esperienza, che potrebbe rischiare di avere focolai che si muovono più velocemente. Occorre – ha concluso – un’enorme cautela”

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Covid-19 e idrossiclorochina: un altro problema nella gestione dell’emergenza

next