Le statistiche italiane continuano a sembrare poco affidabili, tra ritardi nella comunicazione di contagiati, guariti e deceduti e il numero variabile di tamponi effettuati ogni giorno, tuttavia nelle ultime ore sembra delinearsi una prima tendenza al ribasso. In Lombardia però, la regione più colpita, la situazione è ancora complessa e in divenire. Per questo la Regione, attraverso l’Azienda Regionale per l’Innovazione e gli Acquisti Aria s.p.a., ha lanciato CercaCovid, un progetto che sfrutta l’app già esistente della Protezione civile lombarda denominata AllertaLom, per tentare di mappare il rischio di contagio.

I dati vengono raccolti tramite la compilazione di un questionario da parte dei cittadini, i cui dati personali saranno acquisiti in forma completamente anonima. L’adesione è su base volontaria, ma ovviamente la Regione invita tutti i cittadini a partecipare, scaricando l’apposita app, disponibile sia per Google Android che per Apple iOS.

L’app dunque non traccia in alcun modo posizione e spostamenti degli utenti ma si propone solo di raccogliere dati preziosi che, integrati e incrociati con quelli di altri database, si spera possano aiutare a individuare nuove misure per gestire l’emergenza, contribuendo a sviluppare statistiche epidemiologiche per l’individuazione precoce di nuovi potenziali focolai.

Partecipare è semplice ed ovviamente è consigliabile che partecipi un elevato numero di cittadini, altrimenti i dati non avranno rilevanza statistica. Per farlo sarà sufficiente recarsi nel Google Play Store o nell’Apple App Store, scaricare l’app AllertaLom, installarla, avviarla e quindi selezionare la scheda CercaCovid. Qui si darà il consenso per la privacy e si potrà procedere a rispondere alle domande del questionario, fornendo dati su età, comune di appartenenza e CAP, luogo di lavoro e informazioni riguardanti eventuali contatti con persone positive o la presenza di sintomi. Il questionario può anche essere compilato più volte, ma col limite di un solo invio al giorno.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

IL DISOBBEDIENTE

di Andrea Franzoso 12€ Acquista
Articolo Precedente

Amazon Echo 3ª generazione, smart speaker in offerta con sconto del 30%

next
Articolo Successivo

Fitbit Charge 4 ufficiale: foto, caratteristiche e prezzi del nuovo fitness tracker

next