Anche sui giornalisti ricadono le conseguenze economiche del coronavirus. L’Inpgi, l’Istituto previdenziale di categoria, ha dunque stanziato circa 42 milioni di euro e ha predisposto un “quadro di tutele quanto più ampio possibile” per sostenere chi svolge la professione giornalistica in forma autonoma. Le agevolazioni possono essere richieste usando il modulo online sul sito www.inpginotizie.it.

Agli iscritti alla gestione separata la Cassa fa sapere d’aver “previsto l’erogazione di un assegno ‘una tantum’, dell’importo pari a 500 euro” per coloro che, “nell’ultimo triennio, abbiano conseguito un reddito compreso tra 2.100 euro e 30.000 euro e che abbiano registrato, nel trimestre marzo-maggio 2020, un calo dei compensi di almeno il 33%, rispetto a quelli dell’ultimo trimestre (ottobre – dicembre) del 2019″. La misura è coperta con “i residui dello stanziamento per l’attuazione del programma di assistenza sanitaria integrativa avviato con la Casagit”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, requisite 19 tonnellate di materiale medico-sanitario nel porto di Gioia Tauro: erano destinate ad altri Paesi

next