Via libera al decreto interministeriale Lavoro-Economia che stabilisce come e a chi, tra i lavoratori autonomi che hanno una cassa di previdenza privata, verrà versata l’indennità di 600 euro prevista dal decreto Cura Italia.

Il decreto stabilisce che l’indennità sarà versata ai lavoratori che nel 2018 hanno registrato un reddito di meno di 35mila euro. Oppure per coloro che hanno avuto un redito superiore a 35mila euro ma inferiore a 50mila euro, che però abbiano sospeso, cessato o ridotto la loro attività autonoma o libero-professionale di almeno il 33% nel primo trimestre 2020 rispetto allo stesso periodo del 2019 “a causa del virus COVID-19”. Gli interessati potranno fare domanda direttamente agli enti di previdenza ai quali sono iscritti.

“Si tratta di un primo intervento per fronteggiare immediatamente la situazione di emergenza – ha sottolineato il minsitro del Lavoro, Nunzia Catalfo -. Siamo già al lavoro sulle nuove misure per il decreto aprile, dove l’obiettivo è di prevedere, per queste categorie di lavoratori, un indennizzo di importo superiore“.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cura Italia, Abi: “Le banche anticipino la Cig ai lavoratori attivando prestiti”. Ufficio bilancio: “Per gli ammortizzatori 13,5 miliardi al mese”

next
Articolo Successivo

Cura Italia, Ordine Avvocati di Napoli: “Il decreto attuativo esclude da aiuti i giovani iscritti alle casse private nel 2019, rimediare”

next