L’effetto Coronavirus si fa sentire sul comparto automotive in Cina, dove tutto ha avuto origine. La situazione è in via di miglioramento per quanto riguarda l’epidemia, al punto che il 90% delle concessionarie di auto ha riaperto già lunedì scorso, ma l’impatto sul settore è ancora incerto visto che l’afflusso di potenziali clienti negli autosaloni è solo del 53% rispetto ai livelli pre-coronavirus. Per cui oltre la metà dei dealer è abbastanza pessimista riguardo ai numeri del prossimo trimestre. Del resto, è difficile che ora il pensiero vada ad acquistare un’auto nuova.

Va ricordato che a febbraio le immatricolazioni sono crollate del 79%, per un calo complessivo nel primo bimestre del 41%. Il che ha significato circa due milioni di pezzi venuti a mancare. Un trend che, come detto, potrebbe durare per tutto il primo semestre 2020, in cui l’associazione dei costruttori cinesi (CAAM) prevede consegne giù del 25%, per poi tornare alla normalità nella seconda parte dell’anno.

Fatte salve queste considerazioni, dunque, i primi calcoli della China Passenger Car Association (CPCA), prendono in considerazione uno scenario piuttosto favorevole, in cui l’emorragia delle immatricolazioni a fine anno dovrebbe essere compensata dal buon andamento del secondo semestre. E recitano di perdite vicine al 10% (9,7%, per l’esattezza), per un totale di 18,7 milioni di veicoli venduti. Stime che, ovviamente, sono suscettibili di variazioni, che potrebbero essere anche non di poco conto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, ecco come cambia la vita degli automobilisti. Scadenze prorogate per multe, patenti e pratiche varie

next
Articolo Successivo

Coronavirus, l’allarme dei costruttori auto europei: “A rischio 14 milioni di lavoratori”

next