FISM (Federazione delle Società Medico Scientifiche Italiane) in collaborazione con Exprivia, ha presentato “iorestoacasa” un’app per una valutazione del livello di attenzione che l’utente deve avere sulla base dei sintomi e dei comportamenti adottati nell’ultimo periodo. Prima di proseguire con l’analisi del funzionamento dell’app è però bene sgombrare subito il campo da eventuali fraintendimenti: l’app non ha e non vuol avere alcunafinalità di diagnosi, prevenzione, monitoraggio, previsione, prognosi, trattamento o attenuazione di malattie e non si sostituisce in alcun modo alle decisioni del medico competente“. L’obiettivo è invece di porre alcune specifiche domande all’utente in merito a sintomi, viaggi, famiglia, abitudini e vaccini fatti, fornendo in risposta un indice dell’attenzione da tenere, da basso ad alto.

Nel caso il livello di attenzione consigliato sia basso l’applicazione ricorderà comunque di attenersi rigorosamente alle misure del DPCM 11 marzo 2020, ricordando altresì che gli spostamenti sono consentiti solo in caso di comprovata necessità. Nel caso, invece, che il risultato restituisca un livello di attenzione alto, l’app, oltre a richiamare comunque le misure del DPCM, suggerirà anche di contattare il proprio medico e di attenersi al vademecum dell’Istituto Superiore della Sanità, che potete anche visionare a questo link.

È chiaro dunque come l’obiettivo ultimo sia quello di fornire uno strumento utile per i cittadini volto ad avere una maggiore consapevolezza del proprio livello di rischio, ma senza pretendere in alcun modo di fornire diagnosi. Presto inoltre l’app sarà anche dotata di funzionalità multi-canale e di chatbot (agenti artificiali con cui è possibile avere limitate interazioni vocali) gestiti da Intelligenza Artificiale, al fine di consentire alle Autorità di disporre di un’ampia mole di dati utili, elaborati e di facile lettura.

“la condivisione delle informazioni scientifiche è assolutamente indispensabile per promuovere comportamenti corretti e sicuri tra gli operatori sanitari e le persone che possono sentirsi disorientate o confuse dalla moltitudine di notizie che circolano in questi giorni”, ha spiegato il dottor Franco Vimercati, presidente della FISM. L’app “iorestoacasa” è già disponibile per gli utenti Android tramite il Play Store e presto arriverà anche sull’Apple App Store per gli utenti iOS.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Apple PowerBeats 4, ecco i nuovi auricolari ad archetto con 15 ore di autonomia

next
Articolo Successivo

Apple estende i termini per i resi vista la chiusura degli Store

next