Forse non tutti sanno che la Luna è nata dallo scontro tra la Terra e un altro pianeta circa 4,5 miliardi di anni fa. Il nostro satellite però custodisce traccia di quell’impatto perché racchiude ancora un frammento di Theia. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Nature Geoscience, e condotta dall’università americana del New Mexico, sotto la guida di Erick Cano.

I modelli prevedono che circa il 70-90 percento della Luna dovrebbe essere composta da frammenti di Theia. Tuttavia gli elementi presenti nei campioni lunari raccolti dagli astronauti del programma americano Apollo, e in particolare gli isotopi (ossia atomi dello stesso elemento con una diversa massa) di ossigeno, finora non avevano offerto prove a supporto dei modelli. Anzi, le analisi indicavano che l’ossigeno dei campioni lunare è uguale a quello delle rocce terrestri e molto diverso da quelli di altri oggetti del Sistema Solare.

Gli studiosi avevano tentato di spiegare ciò immaginando che la Terra e Theia avessero simile composizione, oppure che il materiale dei due corpi celesti si fosse completamente mescolato durante l’impatto, ma ciò secondo le simulazioni non è molto probabile.Per sciogliere il dubbio i ricercatori hanno analizzato nuovamente i campioni lunari, dai basalti dei mari lunari, alle rocce degli altopiani, ai materiali vetrosi di origine vulcanica, e lo hanno fatto con una tecnica ad alta precisione. È emerso qualcosa di molto diverso rispetto agli studi precedenti: la composizione dell’ossigeno variava a seconda del tipo di roccia analizzata.

In pratica i campioni che arrivano dalle profondità della Luna, e che sono stati portati in superficie verso l’alto durante un processo chiamato ribaltamento del mantello lunare, hanno isotopi di ossigeno più pesanti rispetto a quelli della Terra. Questa differenza potrebbe essere spiegata col fatto che solo i materiali presenti sulla superficie esterna della Luna si sono polverizzati e mescolati durante l’impatto. Ma nel profondo della Luna, un frammento di Theia è rimasto relativamente intatto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, farmaco anti artrite a 5 pazienti Spallanzani. Ricciardi (Oms): “Contatti con Aifa per un protocollo che valuti efficacia”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, “letalità fino a 12 volte superiore rispetto alla Corea”, Galli: “Numero contagiati più alto di quello ufficiale. Fare più tamponi”

next