di Carblogger

Non so voi, a me non piace. Causa coronavirus, il lavoro di informare per il settore sembra diventato in questi giorni un’altra cosa: rendere reale il virtuale. Un video, un comunicato, se va di lusso una telefonata e poi scrivi. Niente Salone di Ginevra, “però puoi fare quell’intervista in call”. Obietto: mai visto prima quel top manager, incontrarsi significa anche captare un umore, interpretare una risposta non risposta, capire fino a dove lui o lei si può spingere. Rispondo: “No, grazie”.

Non che non sia capitato di fare le cose anche in questo modo. O capiterà, perché magari per una volta non si può fare altrimenti. Ma qui siamo a una regola che vorrebbe confermare l’eccezione.

Tutti davanti a un pc, che almeno è il nostro e la tastiera non dovrebbe essere infettata dal coronavirus. Ma non mi stupirei che questa modalità di lavorare piacesse all’industria – a tutte le industrie: è così che si risparmiano un sacco di soldi e si evitano contatti personali con i media non tutti desiderati. Si chiama disintermediazione.

Sembra un film da Grande Fratello ai tempi del digitale, in cui l’informazione non va più a cercare la notizia ma la riceve e basta. Quel che passa il convento, come si diceva una volta. Con mediazione giornalistica ridotta al minimo, quando c’è.

Un po’ come se maschere e bavagli si confondessero in questa brutta stagione.

Oppure no. E’ solo un’anteprima distopica di un futuro in cui l’intelligenza artificiale scriverà al posto nostro, senza bisogno di un faccia a faccia, né di fare una domanda in più.

Non ho più letto nulla su di lui, ma c’era un tipo con lo pseudonimo di Stats Monkey che sapeva scrivere una notizia e sistemare titolo sommario e foto in meno di un secondo. Quando lo facevano lavorare otto ore al giorno, era capace di scrivere fino a 150.000 testi a settimana, perfetti e a prova di errore.

Ok, si occupava solo di baseball ma era anche il lontano 2008 e Stats Monkey era un insieme di 0 e di 1 che “abitava” in un sobborgo di Chicago. Un robot con fretta di imparare.

Il coronavirus me lo fa tornare in mente. Già: quanto ci metterebbe oggi a fare un articolo sui risultati di Fiat Chrysler senza preoccuparsi se John Elkann preferisce o meno l’editoria all’auto, o a buttar giù una intervista registrata dall’altra parte dell’Atlantico con il top manager cui ho detto no, grazie?

@carblogger_it

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Sono nera. È un problema?’. Land Rover gioca sulla diversity e a me sembra di stare a Londra

next
Articolo Successivo

Coronavirus, all’auto serve un aiuto pubblico?

next