di Carblogger

Ma quando mai ci cattura una pubblicità di auto, facendo questo mestiere? Beh, l’altro giorno mi è capitato con una pagina della Range Rover mentre stavo sfogliando il Corriere della Sera. E per un momento ho pensato: vivo a Roma o a Londra?

“Sono nera. È un problema?”, dice la headline sopra una foto della Range Rover Sport Black Edition. La campagna è firmata dall’agenzia di Vicky Gitto e Roberto Battaglia. Una campagna solo italiana, dunque. Una campagna controcorrente.

Wow, vado alla finestra e sì, sono a Roma e non a Londra dove un messaggio di “diversity” passerebbe forse inosservato. La cultura anglosassone ha da tempo accettato e incluso tutti.

Da noi il messaggio suona come una pila di piatti sbattuta a terra. Perché è politicamente corretto in un paese dove un ex ministro degli Interni citofona a uno sconosciuto per dargli dello spacciatore. Perché spiazza in un paese dove la “diversity” è per molti o per troppi ancora un problema.

Il dubbio, semmai, è quanti potenziali clienti Range Rover condividano questi valori. Ma credo non pochi, se innanzitutto a loro – utenti di un mondo premium – parla questa pubblicità usando intelligenza e provocazione.

E chi di loro frequenta la Borsa – molti, penso ancora – sa anche che la misurabilità di certi parametri aiuta. Un indice si chiama proprio Diversity & Inclusion, elaborato da Thomson Reuters a livello mondiale (oggi ribattezzato Refinitiv): mette in relazione l’andamento di un titolo di un’azienda con la sua capacità di creare una organizzazione impegnata su diversità e inclusione. Un impegno trasparente, ben oltre una headline.

“Sono nera. E’ un problema?”. Se poi per qualcuno lo fosse, andasse pure a citofonare al presidente di Jaguar Land Rover Italia.

@carblogger_it

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Donne al volante non fa più rima con pericolo costante

next
Articolo Successivo

Auto e coronavirus, l’informazione ristretta che piace agli industriali

next