Un treno è deragliato lungo la linea dell’alta velocità francese sulla tratta Strasburgo-Parigi. Secondo quanto annunciato dalle autorità francesi ci sono almeno venti feriti. Il conducente del Tgv, come ha confermato un portavoce della SNCF, la compagnia ferroviaria francese, è stato elitrasportato in ospedale “in condizioni gravi”, mentre il capotreno ha riportato un trauma dorsale. L’incidente è avvenuto attorno alle ore 7,45, “tra Ingenheim e Saessolsheim”, nella zona di Saverne”. A bordo c’erano 348 passeggeri.

La locomotiva del TGV e i primi quattro vagoni sono usciti dai binari, ma il macchinista è comunque riuscito ad azionare il freno d’emergenza “per mettere in sicurezza i viaggiatori”, come ha precisato il portavoce della SNCF. “Abbiamo sentito l’impatto e improvvisamente abbiamo realizzato che il treno era finito fuori dai binari. Per lunghi secondi ha rallentato inclinandosi leggermente su un lato”, ha raccontato un testimone citato dalla rete all news.

Secondo fonti della compagnia confermate dalla prefettura, l’incidente è stato dovuto a un “importante cedimento del terreno nella zona” di Saverne. Al momento dell’impatto, il treno viaggiava a 270 km/h. Circa cento i pompieri che con 37 automezzi sono stati mobilitati per i soccorsi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il trattato di non proliferazione nucleare compie 50 anni. Ma le grandi potenze continuano a tendere i muscoli

next