Samsung ha annunciato la sua serie di monitor curvi T55 certificati da TÜV Rheinland per quanto riguarda il comfort visivo. La gamma comprende i modelli C24T55, C27T55 e C32T55 rispettivamente con diagonali da 24, 27 e 32 pollici, tutti con la medesima scheda tecnica, una risoluzione Full HD 1080P e un raggio di curvatura 1000R, che li rende perfetti per un impiego generico, tanto a casa, come monitor principale del computer, quanto in ufficio. Se però siete videogiocatori incalliti o in cerca delle massime prestazioni o svolgete lavori in ambito image video e necessitate dunque di display con colori calibrati e funzioni avanzate, bisognerà guardare altrove.

Proprio la particolare curvatura scelta rappresenta l’elemento di maggior interesse di questi nuovi display. La curvatura 1000R, infatti, è stata scelta in quanto molto vicina al campo visivo dell’occhio umano, così da ridurre l’affaticamento degli occhi, consentendo al contempo di offrire uno spazio più ampio per i contenuti. Anche la tecnologia Samsung Flicker-Free e il filtro della luce blu sono integrati allo scopo di ridurre ulteriormente l’affaticamento visivo.

Per quanto riguarda le specifiche tecniche, tutti e tre i monitor utilizzano un normale pannello VA Full HD con un refresh rate di 75 Hz, tempo di risposta di 4 ms GTG (grey to grey), copertura del 119% della gamma colore sRGB e luminosità massima di 250 nit. La presenza della tecnologia AMD FreeSync, che consente di eliminare alcuni difetti della riproduzione dovuti alla mancata sincronizzazione tra il refresh del monitor e quello della scheda video, rendono i nuovi monitor adatti anche al gaming, purché occasionale.

I Samsung T55 integrano una porta HDMI 1.4, una DisplayPort, una D-Sub, un ingresso e un’uscita audio, mentre non sono presenti porte USB. I tre modelli sono infine caratterizzati da un design elegante e minimale, con cornici ridottissime e la sottile base d’appoggio in metallo. Samsung non ha ancora comunicato disponibilità e prezzi per i suoi monitor della serie T55.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Hi-tech e clima, secondo Ericsson le nuove tecnologie producono solo l’1,4% della CO2

next
Articolo Successivo

Edge, l’ultima versione del browser Microsoft ci protegge dalle app potenzialmente pericolose

next