Normalmente le soundbar si utilizzano per sostituire l’impianto audio del televisore, perché magari è troppo poco potente o semplicemente di bassa qualità. Al CES 2020 però Samsung ha presentato una soluzione innovativa: HQ-Q800T, una soundbar che va a integrarsi col sistema audio del televisore anziché soppiantarlo, così da lavorarci in sinergia per offrire una riproduzione più ampia e ricca con una spesa comunque contenuta rispetto all’acquisto di un vero e proprio sistema multicanale.

Alla base di tutto c’è Q Symphony, una tecnologia proprietaria che consente di coordinare la riproduzione audio tra gli speaker integrati nel televisore e la soundbar stessa, così da trasmettere armonicamente il flusso audio, organizzandolo, coordinandolo e suddividendolo a seconda delle frequenze su tutti gli speaker a disposizione. In pratica compri una soundbar e ottieni una sorta di sistema multicanale.

La stessa Samsung HQ-Q800T del resto è già un sistema multicanale, un 3.1.2 con subwoofer esterno connesso in modalità wireless. Grazie al supporto agli standard Dolby Atmos e DTS:X inoltre è possibile sfruttarne i canali anche per aumentare l’altezza della scena sonora riprodotta, dando così più credibilità e tridimensionalità all’ascolto.

Ma non è tutto però perché la tecnologia Acoustic Beam 2.0 aiuta ad aumentare la sensazione di un suono più direzionale, come quello che si otterrebbe utilizzando diffusori separati e specializzati. Infine, durante l’ascolto di musica, la funzione SoundWall riprodurrà sullo schermo del televisore effetti grafici sincronizzati con la musica riprodotta, generati in base ai dati raccolti dall’analisi del brano stesso, del genere, del ritmo e delle sensazioni che vuole trasmettere. Samsung ha fatto sapere che prossimamente divulgherà maggiori dettagli tecnici riguardo alla soundbar HQ-Q800T, al prezzo e alla data di lancio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sony Alpha 77M2, fotocamera digitale reflex da 24 Mpixel in vendita su Amazon con sconto del 42%

next
Articolo Successivo

Xenobot, ecco gli incredibili robot viventi creati con le cellule di rana – Foto e Video

next