Parte male la carriera commerciale della nuova Porsche Taycan negli Stati Uniti: un esemplare della prima vettura 100% elettrica del costruttore tedesco si è incendiata, distruggendosi completamente. L’auto, come testimoniano foto e video (qui di seguito) finiti in rete, è andata completamente bruciata, causando oltretutto ingenti danni all’abitazione in cui era parcheggiata, ubicata in Florida.

Fortunatamente, nell’incendio non sono state coinvolte delle persone, ma il danno economico è prevedibilmente elevato. Si tratta di un duro colpo per l’immagine del modello in questione che, per giunta, in Europa ha prezzi che arrivano a sfiorare i 200 mila euro.

Non è certo la prima volta che un veicolo alimentato a batteria va a fuoco: sono tanti i casi di vetture Tesla finite arse dalle fiamme, spesso per problemi a livello delle batterie. Tuttavia, mentre sono decine di migliaia le auto del costruttore americano che circolano negli USA, le consegne della Porsche Taycan ai clienti d’oltreoceano sono cominciate solo nel mese di dicembre, con appena 130 vetture.

Un numero talmente esiguo da rendere statisticamente significativo l’incendio del primo esemplare dell’elettrica Porsche: in altri termini, è preoccupante sapere che, nonostante siano pochissime le Taycan circolanti su strada, una abbia preso fuoco per cause da definire.

Secondo alcuni testimoni oculari, l’auto sarebbe letteralmente esplosa nel garage in cui era parcheggiata. La casa madre sta vagliando quelle che potrebbero essere le cause dell’incidente ma, al momento, non è in grado di formulare ipotesi concrete sull’accaduto. La speranza è che, qualora dovessero verificarsi ancora episodi simili, non vengano coinvolte persone o animali.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tesla, in Germania gli ambientalisti fermano i lavori per la nuova Gigafactory di Elon Musk

next
Articolo Successivo

Furti d’auto, veicoli più vulnerabili con la tecnologia smart key. Si rubano in 30 secondi

next