Come un’equazione: più è becero il pensiero, più dev’essere impellente la necessità di incollarlo su un qualche commento web. Non si spiega altrimenti. Così, al di là delle statistiche e dei fondi delle classifiche, il declino di questo Paese si può toccare – viscido – su Internet.

C’è un ragazzo arrestato per le sue idee, pare sotto tortura. E tanto dovrebbe bastare a farci indignare tutti. Metteteci che si tratta di uno studente di una nostra università; metteteci anche che il luogo dove è rinchiuso è lo stesso in cui è stato ammazzato e oltraggiato un altro nostro ragazzo.

Chi non si immedesimerebbe con i suoi amici e colleghi che martedì sono scesi in piazza a Bologna? Chi non sentirebbe nel petto un po’ di pena per la sorte ammanettata di Patrick Zaki? A quanto pare nessuno.

Basta leggere i commenti sparpagliati sul web, ma ricorrenti: c’è il qualunquismo di chi dice che semmai dovremmo protestare per le tasse – ma che c’entra? Una protesta esclude l’altra? C’è chi dice che è inutile manifestare – forse, ma sempre meglio che restare alla tastiera; c’è chi se la prende col carrozzone della sinistra – ché il tifo politico proprio non riusciamo a metterlo da parte. Poi c’è chi osa di più, sfidando i manifestanti a salire su un aereo e liberarlo di persona o sarcastico l’Italia a dichiarare guerra; chi ci vede un complotto internazionale contro la nostra economia; chi ne approfitta per criticare le sardine.

Non c’è nessuno, ed è triste, a spendere una parola per questo ragazzo torturato. Nessuno con il coraggio di pronunciare il nome di Patrick George Zaki, 27 anni. Nessuno. Come se non fosse più una persona ma un argomento, come se il suo dolore e la sua paura fossero la finzione di un film, una storia lontana.

Ma, signori, qui c’è un ragazzo di mezzo, non un martire; almeno finché noi non lo abbandoneremo. Stavolta siamo ancora in tempo, stavolta andrà tutto bene. A prescindere da chi commenta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Agcom multa la Rai per 1,5 milioni di euro: “Violate indipendenza, imparzialità e pluralismo”. Pd: “Grave, via Salini e i vertici”

next
Articolo Successivo

Cara Lilli Gruber, ti stimo molto. Ma perché non parli degli intrecci tra mafia e politica a Otto e mezzo?

next